Monachus monachus Foca monaca mediterranea

Di Melody Benton

Gamma geografica

monaco monaco, nota anche come foca monaca mediterranea, si trova nella regione del Mar Mediterraneo e nella costa dell'Africa nord-occidentale. Ci sono popolazioni che si trovano in Mauritania / Sahara occidentale, Grecia e Turchia. Sono stati osservati piccoli numeri anche in Marocco, Algeria, Libia, Isole Desertas portoghesi, Croazia e Cipro.

  • Regioni biogeografiche
  • paleartico
    • nativo
  • etiope
    • nativo
  • oceano Atlantico
    • nativo

Habitat

Le foche monache del Mediterraneo si trovano solitamente lungo le acque costiere, specialmente sulle coste delle isole. A volte si trovano in grotte con ingressi sottomarini quando la femmina sta partorendo e solo per allontanarsi da altri disturbi, come le barche.


nome scientifico per il pesce gatto del canale

  • Regioni habitat
  • temperato
  • acqua salata o marina
  • Biomi acquatici
  • costiero

Descrizione fisica

La foca monaca mediterranea adulta può essere di qualsiasi colore, dal marrone scuro o nero al grigio chiaro. Di solito sono di colore grigio chiaro lungo la pancia. I cuccioli hanno un mantello di lana nero e una macchia bianca o gialla sulla pancia. Muoiono a circa 4-6 settimane e il loro mantello lanoso nero viene sostituito da un mantello grigio argenteo che può scurirsi nel tempo.



I maschi adulti sono in media circa 2,4 m di lunghezza e le femmine sono leggermente più corte. I maschi pesano circa 315 kg e le femmine pesano circa 300 kg.

  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • omeotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • maschio più grande
  • Massa media
    300-315 kg
    libbre
  • Massa media
    275000 g
    9691.63 oz
    Un'età
  • Lunghezza media
    2,4 m
    7,87 piedi

Riproduzione

Le foche monache mediterranee si accoppiano durante i mesi di settembre-novembre. L'accoppiamento di solito avviene in acqua. Si riproducono molto lentamente a partire dall'età di 4 anni. Il tempo tra le nascite è di 13 mesi e il periodo di gestazione è di 11 mesi. I cuccioli nascono lunghi circa 80-100 cm e pesano 17-24 kg.

La maturità sessuale viene raggiunta a circa 4-6 anni di età.

Quando le femmine partoriscono, vanno in spiaggia o nelle grotte. Una femmina di solito rimane sulla spiaggia o nella grotta ad allattare e proteggere il cucciolo per un massimo di sei settimane. Durante questo periodo, la femmina deve vivere di grasso immagazzinato perché non lascia mai il cucciolo, nemmeno per nutrirsi. Il cucciolo può rimanere con la madre fino a 3 anni anche dopo lo svezzamento.

  • Principali caratteristiche riproduttive
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • viviparo
  • Stagione degli accoppiamenti
    Le foche monache mediterranee si accoppiano durante i mesi di settembre-novembre.
  • Numero medio di discendenti
    uno
  • Numero medio di discendenti
    uno
    Un'età
  • Periodo medio di gestazione
    11 mesi
  • Periodo medio di gestazione
    289 giorni
    Un'età
  • Fascia di età allo svezzamento
    6 (alto) settimane
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina)
    4-6 anni
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (maschio)
    4-6 anni
  • Investimento dei genitori
  • precociale
  • pre-fertilizzazione
    • approvvigionamento
    • proteggere
      • femmina
  • pre-schiusa / nascita
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • femmina
  • pre-svezzamento / involo
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • femmina
  • associazione post-indipendenza con i genitori

Durata / longevità

Questi sigilli vivono fino a 30 anni di età.

Comportamento

La foca monaca mediterranea trascorre la maggior parte del suo tempo in un raggio limitato; non migrano su lunghe distanze. Possono esserci fino a 20 individui in una colonia di foche monache del Mediterraneo. Sulla terra, la foca è una specie solitaria.

In acqua sono ottimi subacquei e nuotatori. Nuotano così bene che possono sconfiggere uno squalo.

  • Comportamenti chiave
  • natatorio
  • diurno
  • mobile
  • sedentario
  • solitario

Comunicazione e percezione

Quando comunicano tra loro, emettono suoni molto acuti. Questo viene fatto principalmente in acqua per far sapere a vicenda se qualcosa non va o se il pericolo si avvicina.

  • Canali di comunicazione
  • acustico
  • Canali di percezione
  • visivo
  • tattile
  • acustico
  • chimica

Abitudini alimentari

Le foche monache del Mediterraneo sono diurne. Si nutrono in acque costiere poco profonde su una grande varietà di pesci. Questo include anguille, sardine, tonno, aragoste, pesci piatti e triglie. Si nutrono anche di cefalopodi come i polpi.


Fatti interessanti della rana del dardo del veleno della fragola

  • Dieta primaria
  • carnivoro
    • piscivoro
  • Alimenti per animali
  • pesce
  • molluschi

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

In passato la foca monaca mediterranea è stata uccisa per la sua pelle e parti del corpo, che si diceva fornissero protezione contro una varietà di problemi medici. La foca è stata uccisa anche per il cibo.

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

L'unico modo in cui le foche monache del Mediterraneo influenzano negativamente gli esseri umani è che competono con i pescatori. In caso contrario, queste guarnizioni sono principalmente innocue.

Stato di conservazione

Oggi nel mondo rimangono meno di 500 esemplari di foca monaca mediterranea. Sono stati uccisi da pescatori che li vedono come concorrenti, e molti sono stati persi a causa di essere stati catturati nelle reti dei pescatori. Anche l'inquinamento e il traffico navale sono un problema per questa specie. L'inquinamento proviene principalmente dai rifiuti umani. Questi rifiuti finiscono nell'acqua in cui vivono le foche e nel cibo che mangiano. Il problema con il traffico delle barche è dovuto al fatto che molte barche si trovano nella stessa area occupata dalle foche, con il risultato, nel peggiore dei casi, di collisioni tra le foche e le barche

Altri commenti

Questo sigillo è uno dei mammiferi più rari al mondo ed è nella lista delle 20 specie più a rischio di estinzione.

Un altro problema con il sigillo è che è molto sensibile ai disturbi. Le donne incinte sono particolarmente sensibili e spesso abortiranno se disturbate.

Contributori

Melody Benton (autore), Università del Michigan-Ann Arbor, Phil Myers (editore), Museo di Zoologia, Università del Michigan-Ann Arbor.

Animali Popolari

Leggi di Aonyx capensis (Lontra africana senza artigli) su Animal Agents

Leggi di Thalassarche melanophrys (albatro dalle sopracciglia nere) sugli agenti animali

Leggi di Cardinalis cardinalis (cardinale settentrionale) su Animal Agents

Leggi di Rhynchonycteris naso (pipistrello proboscide) su Animal Agents

Leggi di Pithecia pithecia (Guianan saki) sugli agenti animali

Leggi di Lithobates grylio (Pig Frog) sugli agenti animali