Mephitidaeskunks e puzza di tassi

Di Matthew Wund

Diversità

La famigliaMephitidae, che include le puzzole e i tassi puzzolenti, è composto da quattro generi esistenti ( Mefite , conepatus , Spilogale e Mydaus ) e 13 specie. Mentre molti autori hanno tradizionalmente considerato le puzzole una sottofamiglia (Mephitinae) all'interno Mustelidae , recenti prove molecolari indicano che le puzzole non si trovano all'interno del gruppo dei mustelidi e dovrebbero essere riconosciute come un'unica famiglia, i Mephitidae, una comprensione sistematica qui accettata. Tasso puzzolente ( Mydaus ) solo di recente sono stati considerati parte del clade skunk (Dragoo e Honeycutt, 1997; Flynn et al., 2005).(Dragoo e Honeycutt, 1997; Flynn, et al., 2005; Nowak, 1991; Sato, et al., 2004; Vaughan, et al., 2000; Whitaker e Hamilton, 1998)

Tre dei quattro generi dipuzzoleabitano il Nuovo Mondo, che vanno collettivamente dal Canada al Sud America centrale; l'eccezione sono i tassi puzzolenti ( Mydaus ), che si trovano nelle isole dell'Indonesia e delle Filippine. Le puzzole si distinguono per i loro vistosi motivi di strisce o macchie bianche e nere, che servono come segnali aposematici per gli aspiranti predatori. Le puzzole hanno ghiandole profumate anali estremamente ben sviluppate con le quali producono odori nocivi per scoraggiare le minacce. Puzzole macchiate ( Spilogale ) sono i membri più piccoli di questa famiglia, con un peso compreso tra 200 ge 1 kg. Puzzole dal naso di maiale ( conepatus ) raggiungono le taglie più grandi (fino a 4,5 kg). I mefitidi hanno rostra relativamente lunghi (sebbene non così pronunciati in Spilogale ), corpi larghi e tozzi, e spesso una coda folta. Hanno arti corti e artigli robusti che sono adatti per scavare.(Nowak, 1991; Vaughan, et al., 2000; Whitaker e Hamilton, 1998)

I mefitidi sono principalmente onnivori. Spesso mangiano vegetazione, insetti e altri piccoli invertebrati e vertebrati più piccoli comeserpenti, uccelli e roditori . I mefitidi sono notturni e abitano una gamma di habitat che include boschi, deserti, praterie e aree montane rocciose. In genere non si verificano in una fitta foresta. Puzzole e tassi puzzolenti sono scavatori abili, il che consente loro di trovare cibo nel terreno e di aiutare a scavare le loro tane. Alcune specie possono arrampicarsi sugli alberi, per cercare riparo o per trovare cibo.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)



Gamma geografica

Tre generi diMephitidaesi verificano esclusivamente nel Nuovo Mondo. Mefite spazia dal Canada meridionale al Costa Rica, conepatus varia dagli Stati Uniti meridionali all'Argentina e Spilogale va dalla Columbia Britannica meridionale a ovest e dalla Pennsylvania a est, a sud fino al Costa Rica. Mydaus è limitato all'Indonesia e alle Filippine nel sud-est asiatico.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • nativo
  • orientale
  • neotropicale
    • nativo

Habitat

Membri della famigliaMephitidaepuò essere trovato in una varietà di habitat, comprese foreste relativamente aperte, praterie, aree agricole, prati, campi aperti e aree montane rocciose. Tassi puzzolenti possono anche trascorrere un po 'del loro tempo nelle grotte. I mefitidi generalmente non si trovano nelle foreste molto fitte o nelle zone umide. Durante il giorno, puzzole e tassi puzzolenti cercano riparo nelle tane o sotto la copertura di rocce o tronchi. Possono scavare le tane da soli o possono usare le tane di altre specie, come marmotte o tassi. Di notte, puzzole e tassi puzzolenti escono dalle tane e dal foraggio. Alcune puzzole sono scalatori agili (ad esempio, Spilogale ) e può essere trovato sugli alberi in cerca di cibo o per evitare i predatori.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)

  • Regioni habitat
  • temperato
  • tropicale
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • savana o prateria
  • foresta
  • macchia foresta
  • montagne
  • Altre caratteristiche dell'habitat
  • suburbano
  • agricolo

Descrizione fisica

Puzzole e tassi puzzolentipossono essere riconosciuti dai loro sorprendenti schemi di colore. Sono generalmente neri (o talvolta marroni) con un motivo prominente e contrastante di pelo bianco sul viso, sulla schiena e / o sulla coda. Generalmente, hanno macchie bianche o una striscia bianca che parte dalla testa, lungo la schiena fino alla coda. I modelli variano all'interno e tra le specie. Per esempio, puzzole macchiate , come suggerisce il nome, hanno molte macchie bianche su sfondo nero. Puzzole a strisce hanno strisce dorsali bianche di spessore e lunghezza variabili che possono o meno attraversare la coda o estendersi sulla testa. La colorazione nelle puzzole e nei tassi puzzolenti serve come segnale aposematico per gli aspiranti predatori. Tutti i mefitidi hanno ghiandole odorose anali estremamente ben sviluppate con le quali producono odori nocivi per scoraggiare le minacce. Il prodotto delle ghiandole odorifere viene secreto attraverso i capezzoli vicino all'ano e può essere proiettato tra 1 e 6 metri verso un animale minaccioso.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Vaughan, et al., 2000; Whitaker e Hamilton, 1998)

I mefitidi hanno un rostro relativamente lungo (sebbene non sia così grande in Spilogale ), corpi larghi e tozzi, e spesso una coda folta. Hanno arti corti e artigli robusti che sono adatti per scavare. Puzzole macchiate ( Spilogale ) sono i membri più piccoli di questa famiglia, con un peso compreso tra 200 ge 1 kg. Puzzole dal naso di maiale ( conepatus ) raggiungono le taglie più grandi (fino a 4,5 kg).(Kruska, 1990; Nowak, 1991)

  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • omeotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • i sessi allo stesso modo

Riproduzione

Generalmente, le puzzole non sono territoriali e gli individui di molte specie vivono regolarmente con i conspecifici. Durante la stagione degli amori, i maschi di alcune specie possono monopolizzare diverse femmine (ad es. Mefite, mefite ), scacciando altri maschi quando si avvicinano. Anche quando i maschi non difendono attivamente un gruppo di femmine, gli home range maschili spesso si sovrappongono a quelli delle femmine indicando che i singoli maschi possono accoppiarsi con più femmine in una stagione.(Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Sistema di accoppiamento
  • poliginoso

Poco si sa sulla biologia dell'allevamento di puzza di tassi .


gamma mosca soldato nero

Puzzolesono allevatori stagionali; tipicamente, la stagione riproduttiva dura da due a tre mesi, ma il periodo della stagione riproduttiva varia tra le specie e all'interno delle specie a seconda della posizione geografica.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

Puzzole 'periodo di gestazione varia tra le specie. Nel Mefite e conepatus , la gestazione dura da 2 a 3 mesi. Spilogale gracilis subisce un impianto ritardato, in cui l'ovulo fecondato non si impianta nella parete uterina per un periodo di tempo prolungato. Spilogale putorius mostra anche un impianto ritardato, ma solo nella parte settentrionale del suo areale. I tempi di gestazione (compreso l'impianto ritardato) in queste specie possono durare 250 giorni o più. L'impianto ritardato è più tipico delle specie e / o delle popolazioni che vivono in climi stagionali.(Kruska, 1990; Thom, et al., 2004)

Puzzolegeneralmente danno alla luce 2-10 piccoli altruistici all'anno in una singola cucciolata. I giovani vengono svezzati dopo circa due mesi e diventano sessualmente maturi verso la fine del primo anno di vita.(Kruska, 1990)

  • Principali caratteristiche riproduttive
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • viviparo
  • impianto ritardato

Poco si sa sulla cura dei genitori in puzza di tassi . Essendo mammiferi, le femmine devono prestare attenzione prima che i piccoli siano svezzati.

Puzzolenascono in uno stato altriziale, senza pelliccia e con gli occhi chiusi. Sebbene le ghiandole puzzolenti siano piene alla nascita, i giovani non possono usarle in difesa fino a dopo la prima settimana di vita, e quindi fanno affidamento sulla madre per la piena protezione dai predatori. I piccoli vengono svezzati dopo circa due mesi e possono iniziare il foraggiamento da soli. I giovani condivideranno una tana con le loro madri e forse altri conspecifici. La condivisione delle tane è particolarmente importante durante l'inverno nelle zone settentrionali per aumentare la sopravvivenza.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)

  • Investimento dei genitori
  • altriziale
  • pre-fertilizzazione
    • approvvigionamento
    • proteggere
      • femmina
  • pre-schiusa / nascita
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • femmina
  • pre-svezzamento / involo
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • femmina
  • associazione post-indipendenza con i genitori

Durata / longevità

Le puzzole del primo anno soffrono di un'elevata mortalità (~ 50% - 70%) a causa della predazione e delle malattie. Quelli che sopravvivono possono vivere fino a 7 anni in natura, anche se da 5 a 6 anni è più tipico e fino a 10 anni in cattività. Gli esseri umani rappresentano una minaccia significativa per le puzzole, o le uccidono deliberatamente per controllare la diffusione della rabbia, o le uccidono accidentalmente mentre le puzzole si fanno strada su strade e autostrade.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

Comportamento

Membri della famigliaMephitidaesono forse più familiari alle persone a causa del loro evidente comportamento antipredatore. Tutti i mefitidi possono proiettare una secrezione appiccicosa e maleodorante dalle loro ghiandole odorose anali per scoraggiare una potenziale minaccia. Tassi puzzolenti può spruzzare oltre un metro, mentre alcune moffette (es. Mefite, mefite ) può spruzzare un aggressore a distanze superiori a 6 metri. Quando si confrontano con una presunta minaccia, le puzzole affrontano prima la minaccia, alzano la coda con i capelli dritti e potrebbero anche calpestare il terreno. Le puzzole possono persino stare sulle zampe anteriori in una 'verticale' mentre affrontano il loro aggressore. Se sufficientemente provocati, piegheranno i loro corpi a forma di U, puntando i quarti posteriori verso la minaccia e spruzzando fluido. In genere, le puzzole mirano agli occhi di un predatore, che sono particolarmente sensibili al fluido. Oltre a spruzzare gli aggressori, alcune moffette (ad es. Spilogale putorius ) arrampicarsi sugli alberi per evitare il pericolo.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

Puzzole e tassi puzzolenti sono notturni. Trascorrono le ore diurne in tane o tronchi cavi e la sera si nutrono di vegetazione, insetti, vermi e piccoli vertebrati. Nei climi stagionali, le puzzole rimangono nelle loro tane durante i mesi invernali. Sebbene non entrino in un profondo letargo, sopravvivono principalmente con riserve di grasso. Le tane comuni aiutano le puzzole a risparmiare energia in inverno.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)

Le puzzole non sono tipicamente aggressive l'una verso l'altra o verso gli eterospecifici. Gli habitat in genere si sovrappongono ei maschi di alcune specie difendono attivamente le femmine solo durante la stagione degli amori. Sebbene le puzzole generalmente si nutrano da sole, possono rinnegare in gruppi di più individui o anche con altre specie. In molti casi, i maschi adulti tacciono da soli o solo con le femmine.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)


scoiattolo di terra dalla coda ad anelli

  • Comportamenti chiave
  • terricolo
  • fossorial
  • notturno
  • mobile
  • ibernazione

Comunicazione e percezione

Le puzzole generalmente non sono vocali, ma a volte comunicano con grugniti, ringhi e sibili. L'olfatto è probabilmente una parte importante della comunicazione, specialmente durante la stagione degli amori. Le puzzole non sono territoriali, quindi non è necessario contrassegnare i territori. Le puzzole hanno elaborati display visivi per allontanare potenziali predatori, che includono tenere la coda e il corpo eretti, stare in piedi sulle zampe anteriori e calpestare il terreno.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Canali di comunicazione
  • visivo
  • acustico
  • chimica
  • Canali di percezione
  • visivo
  • tattile
  • acustico
  • chimica

Abitudini alimentari

Membri della famigliaMephitidaesono onnivori, ma gran parte della loro dieta è costituita da materiale animale. Puzzole e tassi puzzolenti mangiano una varietà di invertebrati come vermi e insetti . Mangiano anche piccoli vertebrati come roditori ,lucertole,serpenti, uccelli e uova. I mefitidi si nutrono di notte, facendo il tifo e dissotterrando le prede mentre vagano nel loro raggio d'azione. Nelle zone settentrionali, le puzzole aumentano notevolmente le loro riserve di grasso durante l'autunno. Durante i mesi invernali queste puzzole trascorrono la maggior parte del loro tempo dormendo nelle tane, ma emergeranno per il foraggio nei giorni più caldi.(Kruska, 1990; Nowak, 1991)

  • Dieta primaria
  • onnivoro

Predazione

Sebbene le loro secrezioni delle ghiandole odorifere siano un potente deterrente per i predatori,mefitidisono a rischio di predazione. Questo è particolarmente vero per le giovani puzzole. Quando sono fuori dalle loro tane, le puzzole rimangono relativamente evidenti e dipendono dalla loro colorazione di avvertimento per scoraggiare gli aggressori. I predatori noti di puzzole e tassi puzzolenti sono più grandi carnivori ad esempio coyote , volpi , puma , zibetti , Tassi americani , e lince . I rapaci, avendo un olfatto meno sviluppato rispetto ai mammiferi, sono meno suscettibili all'odore delle puzzole, sebbene essere spruzzati negli occhi sia un rischio. I predatori aviari possono includere Aquile e gufi . Grandi gufi cornuti ( Bubo virginianus ) sono noti per predare le puzzole.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Adattamenti anti-predatori
  • aposematico

Ruoli dell'ecosistema

Come onnivori,mefitidiha un potenziale impatto su una varietà di popolazioni vegetali e animali nelle rispettive comunità. In particolare, molte specie consumano grandi quantità di insetti e roditori. Sebbene le puzzole abbiano molti potenziali predatori, non sono l'alimento base nella dieta di altre specie. Dopo un incontro con una puzzola, i predatori spesso imparano a non inseguirli. Le puzzole ospitano e trasmettono anche diversi parassiti e malattie come il cimurro e l'istoplasmosi. La rabbia è un problema significativo per le puzzole. Negli Stati Uniti del Midwest, puzzole a strisce hanno recentemente superato cani domestici come la specie più comunemente affetta da rabbia.(Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

Specie commensali / parassitarie
  • viso
  • pulci
  • zecche
  • Trematoda
  • Cestoda
  • Nematodi
  • Acanthocephala
  • Neotrichodectes mephitidis
  • Echinonyssus staffordi
  • Skrjabingylus

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Puzzole e tassi puzzolentisono generalmente utili per gli esseri umani perché mangiano una varietà di insetti e roditori. Le pelli delle puzzole a volte vengono scambiate, sebbene attualmente non siano molto richieste. La pelliccia di Spilogale è considerata la migliore tra le puzzole, sebbene nessuna pelle di puzzola sia considerata di grande valore. Di tanto in tanto, le persone mangiano tassi puzzolenti (dopo aver rimosso le ghiandole puzzolenti) o usano una miscela di pelle e acqua nel tentativo di curare reumatismi o febbri.(Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)


cinque uova di scinco rivestite

  • Impatti positivi
  • cibo
  • le parti del corpo sono fonte di materiale prezioso
  • fonte di medicina o droga
  • controlla la popolazione di parassiti

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Di gran lunga, gli umani sono la più grande minaccia per le puzzole. Gli esseri umani spesso considerano le puzzole come parassiti a causa del loro odore e della loro predazione occasionale su pollame domestico e uova. In quanto vettori significativi della rabbia, le moffette vengono spesso avvelenate, colpite o uccise in altro modo nel tentativo di controllare la diffusione di questa malattia.(Kruska, 1990; Nowak, 1991; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Impatti negativi
  • ferisce gli esseri umani
    • provoca malattie negli esseri umani
  • causa o trasporta malattie degli animali domestici

Stato di conservazione

Le puzzole sono generalmente abbondanti, ma alcune popolazioni sono considerate rare o potenzialmente minacciate a causa della domanda per la loro pelliccia. Grandi puzzole dal naso di maiale,Conepatus mesoleucus telmalestes, conosciuti solo dalla regione del Big Thicket del Texas, sono considerati estinti.Conepatus chinga rex, Le puzzole dal naso di maiale di Molina del nord del Cile sembrano essere diventate rare a causa delle pressioni della caccia. Il Tasso puzzolente di Palawan è attualmente elencato come vulnerabile nella lista rossa IUCN, a causa del degrado e della frammentazione degli habitat indotti dall'uomo.(IUCN 2004, 2004; Kruska, 1990; Whitaker e Hamilton, 1998)

  • Lista Rossa IUCN [Link]
    non valutato

Altri commenti

Il nome comune 'puzzola' ha le sue origini nei dialetti algonchini.(Kruska, 1990)

Contributori

Tanya Dewey (a cura di), Animal Agents.

Matthew Wund (autore), Università del Michigan-Ann Arbor.

Animali Popolari

Leggi di Eubalaena australis (balena franca australe) su Animal Agents

Leggi di Lepisosteus platyrhincus (Florida gar) sugli agenti animali

Leggi di Neophron percnopterus (capovaccaio) sugli agenti animali

Leggi di Larus californicus (gabbiano della California) su Animal Agents

Leggi di Uria lomvia (murre dal becco grosso) su Animal Agents

Leggi di Ondatra zibethicus (topo muschiato) sugli agenti animali