Cromileptes altivelisPudding di prugne merluzzo (anche: Polka dot cod)

Di Diana Zepeda

Gamma geografica

Il merluzzo di Barramundi si trova generalmente nelle acque al largo della costa dell'Australia settentrionale e fino all'Australia occidentale. Sebbene questo pesce sia abbondante in queste acque, non è limitato a quest'area. Il merluzzo di Barramundi è noto anche per abitare le acque del Pacifico occidentale, dal Giappone meridionale a Palau ed è stato avvistato anche nell'Oceano Indiano orientale, dal Nicobars a Broome (Froese e Pauly 2000).

  • Regioni biogeografiche
  • australiano
    • nativo

Habitat

Il merluzzo Barramundi si trova più frequentemente nelle zone di barriera corallina morta o limosa fino a una profondità di 40 m. Abitano nelle lagune e nelle barriere coralline e non sono rari intorno alle barriere coralline e nelle pozze di marea. I pesci più giovani vivono in acque poco profonde e occasionalmente vengono avvistati in pozze rocciose con la bassa marea (Froese e Pauly 2000).

  • Biomi acquatici
  • barriera corallina

Descrizione fisica

Il merluzzo Barramundi è un pesce dall'aspetto molto caratteristico. Il profilo della sua testa è e ha macchie nere sparse sul corpo e sulle pinne. Il merluzzo Barramundi può crescere fino a 70 cm di lunghezza. Di solito è di colore fulvo, bruno-rossastro o terracotta. La sua caratteristica più notevole è che il suo corpo è completamente ricoperto di macchie nere rotonde. Le macchie più grandi si trovano sul dorso del pesce e di solito sono più piccole dell'occhio. Sul pesce più giovane le macchie sono più grandi ma meno numerose (Australia Museum 2000; Marshall 1964).

  • Altre caratteristiche fisiche
  • simmetria bilaterale

Riproduzione

Il merluzzo Barramundi si riproduce per protoginia, il che significa che esiste un ermafroditismo sequenziale in cui un individuo si trasforma da femmina a maschio. Le uova vengono sparse in acque libere e vengono fecondate esternamente. Una volta fecondate, le uova vengono lasciate incustodite. (Froese e Pauly, 2000).

Comportamento

Il Merluzzo Barramundi ha una curiosa personalità. Teme ciò che non gli è familiare. Quando qualcosa di sconosciuto si avvicina a loro, di solito nuotano via ma non nuotano molto lontano. Nuotano in modo molto diverso dagli altri pesci; si muovono molto lentamente con molti

svolte strane ea volte sembra che stiano cercando di nuotare sottosopra (Martinsson 1997).

  • Comportamenti chiave
  • natatorio
  • mobile

Comunicazione e percezione

  • Canali di percezione
  • tattile
  • chimica

Abitudini alimentari

Il merluzzo barramundi è noto per mangiare nekton, organismi che possono nuotare contro le correnti. Ad esempio, preferiscono mangiare pesciolini, calamari, seppie e pesci ossei (Froese e Pauly, 2000).

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

L'unico guadagno economico che gli esseri umani ricevono dal merluzzo Barramundi proviene dalla cattura e dalla vendita di novellame per le esposizioni dell'acquario e dalla vendita degli adulti come fonte di cibo (Froese e Pauly 2000).

Stato di conservazione

Il merluzzo di Barramundi non è minacciato o in pericolo in questo momento. Questa specie non è nella Lista Rossa IUCN (The World Conservation Union), quindi non c'è attualmente bisogno di conservazione. L'unico problema è che sono le più pregiate e costose di tutte le cernie nei ristoranti cinesi. Di conseguenza, c'è la possibilità che in futuro questo pesce possa diventare in pericolo a causa della pesca eccessiva (Froese e Pauly 2000).


serpente a sonagli diamante indietro

Contributori

Diana Zepeda (autrice), University of California, Irvine, Rudi Berkelhamer (editor), University of California, Irvine.

Animali Popolari

Leggi di Pteropus rufus (volpe volante del Madagascar) su Animal Agents

Leggi di Mastigias papua (medusa d'oro) sugli agenti animali

Leggi di Rhynchocyon cirnei (toporagno elefante a quadretti) sugli agenti animali

Leggi di Anas cyanoptera (cannella verde acqua) sugli agenti animali

Leggi Struthidea cinerea (apostlebird) sugli agenti animali

Leggi di Cetacea (delfini, focene e balene) sugli agenti animali