Anser canagicus oca imperatrice

Di Emily Brown

Gamma geografica

Anser canagicussi trova più comunemente lungo il mare di Bering. Le principali popolazioni riproduttive si trovano nell'Alaska artica e subartica, in alcune parti del Canada e nella Russia nord-orientale. Si riproducono principalmente intorno al delta dello Yukon-Kuskokwim in Alaska. La maggior parte delle popolazioni di oche imperatrici migrano verso le Isole Aleutine durante l'inverno.('Audubon WatchList', 2010; 'BirdLife International', 2009; 'Chen canagica', 2009; Petersen, et al., 2010)

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • nativo

Habitat

Le oche imperatrici si appollaiano lungo la costa durante la stagione di non riproduzione. Queste aree includono spiagge, scogliere e dune, nonché lungo le barriere coralline. Le oche imperatrici selezionano terreni di riproduzione leggermente più interni in paludi e prati di pianura vicino a una fonte d'acqua come un lago o il letto di un fiume. Una fonte d'acqua nelle vicinanze è fondamentale per la sopravvivenza poiché le oche le usano per fuggire dai predatori terrestri. I siti di nidificazione si trovano anche su distese fangose ​​con vegetazione e paludi salmastre. Entro una settimana dalla schiusa,A. canagicusI paperi si spostano nelle zone paludose di marea più vicine alla costa per crescere.(Cannings e Hammerson, 2009; Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Laing e Raveling, 1993)



  • Regioni habitat
  • temperato
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • tundra
  • Biomi acquatici
  • costiero
  • acqua salmastra
  • Zone umide
  • palude
  • Altre caratteristiche dell'habitat
  • ripariale

Descrizione fisica

Le oche imperatrici adulte sono piccoli uccelli acquatici con una media di meno di 3 kg e una lunghezza di circa 69 cm. Sono sessualmente monomorfici con i maschi in media solo leggermente più pesanti delle femmine. Le oche imperatrici mostrano una testa e una nuca completamente bianche che spesso si colorano di ruggine dall'ossido di ferro presente in numerosi stagni di marea. Il mento e la gola sono neri con il resto del corpo ricoperto di piumaggio grigio barrato di bianco e nero. I loro becchi sono corti e rosa chiaro mentre i loro piedi palmati sono di un arancione brillante. Le penne della coda sono bianche con copritrici sottocoda nere.Anser canagicusI paperi sono ricoperti di piume grigie lanuginose e di solito hanno un becco nero.('Emperor Goose', 2010)




dove si trovano le scimmie cappuccine

  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • omeotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • i sessi allo stesso modo
  • maschio più grande
  • Massa media
    2,8 kg
    6,17 libbre
  • Lunghezza media
    68,5 cm
    26,97 pollici

Riproduzione

Le oche imperatrici mostrano un sistema di accoppiamento monogamo e si legheranno a un'oca diversa solo se il compagno precedente muore. Poco si sa sulla formazione dei legami di coppia, ma si formano quando si raggiungono i luoghi di riproduzione. Poiché la copulazione è raramente osservata, si presume che l'accoppiamento avvenga appena prima o durante la migrazione verso i terreni di riproduzione.(Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Petersen, et al., 2010)

  • Sistema di accoppiamento
  • monogamo

All'arrivo nei terreni di nidificazione, le femmine iniziano a costruire nidi. Le uova vengono normalmente deposte entro i primi 10 giorni dall'arrivo. La dimensione della frizione varia da 3 a 8 uova con una media di 5. Le femmine incubano le uova per 24 o 25 giorni, dopodiché i paperi si schiudono per un periodo di 10 giorni. I paperi nati all'inizio della stagione riproduttiva hanno una probabilità molto più alta di sopravvivere all'inverno successivo. La maggior parte delle papere sono completamente piumate da 30 a 47 giorni dopo la schiusa e sono in grado di volare a 50-60 giorni di età. I paperi rimangono vicini ai loro genitori durante il primo inverno e sono stati anche notati per tornare al terreno fertile con i genitori la primavera successiva. Sebbene le giovani oche possano tornare nei terreni di riproduzione all'inizio della vita, la maggior parte delle femmine non depone le uova fino a 3-4 anni di età.



I nidi delle oche imperatrici sono comunemente parassitati da altri uccelli. Uno studio condotto nel terreno fertile dello Yukon Delta ha rilevato che una media del 62% dei nidi aveva uova parassite. La maggior parte di queste uova erano state deposte non da altre specie, ma da altre oche imperatrici. Femmine e maschi proteggono attivamente i loro nidi, ma se un uovo parassita viene deposto con successo o molto vicino a un nido, è molto probabile che la coppia accetti l'uovo.(Cannings e Hammerson, 2009; Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Hupp, et al., 2006; Lake, et al., 2008; Pacific Flyway Council, 2006; Petersen, et al., 2010)

  • Caratteristiche riproduttive chiave
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • oviparo
  • Intervallo di riproduzione
    Le oche imperatrici si riproducono una volta all'anno.
  • Stagione degli accoppiamenti
    La stagione riproduttiva va da fine maggio ad agosto.
  • Gamma di uova per stagione
    Da 3 a 8
  • Uova nella media per stagione
    5
  • Tempo medio alla schiusa
    Da 24 a 25 giorni
  • Gamma di età dell'involo
    Da 50 a 60 giorni
  • Tempo medio per l'indipendenza
    Da 50 a 60 giorni
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina)
    Da 3 a 4 anni
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (maschio)
    Da 3 a 4 anni

Le femmine sono le uniche responsabili della selezione di un sito di nidificazione, della costruzione di un nido e dell'incubazione delle uova. Lo stesso sito di nidificazione può essere utilizzato più anni. Le coppie inseguono specie di oche rivali, membri della loro stessa specie, così come i giovani delle stagioni precedenti, lontano dai loro siti di nidificazione. Mentre sia i maschi che le femmine difendono l'area di nidificazione, i maschi sono molto più aggressivi delle femmine. Mentre la femmina sta incubando, i maschi rimangono vicini al nido per respingere predatori e altre oche. Alla fine del periodo di incubazione, le femmine perdono in media il 20,7% della loro massa corporea a causa dell'energia concentrata esclusivamente sull'incubazione e sulla protezione delle uova.

Una volta che i paperi si schiudono, vengono covati dalle femmine per le prime 2-3 settimane. Le papere sono in grado di foraggiare entro 24 ore dalla schiusa. Mentre i giovani si nutrono, stanno tra i loro genitori che sono entrambi altamente protettivi. Se i predatori terrestri si avvicinano e uno specchio d'acqua si trova nelle vicinanze, l'intero gruppo fugge nell'acqua. Ma se l'acqua non è vicina, i genitori circondano la loro prole mentre sibilano e sbattono le ali al predatore che si avvicina. Quando un predatore aereo colpisce, i giovani si nascondono sotto le ali della madre mentre il padre salta e attacca il predatore. I maschi sono anche noti per agire come esche, permettendo ai paperi e alla loro madre di scappare. I giovani lasciano i luoghi di riproduzione verso la fine di agosto ma rimangono con i genitori fino alla primavera successiva, quando vengono cacciati dai luoghi di riproduzione.(Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Schmutz, et al., 1994; Thompson e Raveling, 1987)



  • Investimento dei genitori
  • precociale
  • cura dei genitori maschile
  • cura dei genitori femminili
  • pre-fertilizzazione
    • approvvigionamento
    • proteggere
      • maschio
      • femmina
  • pre-schiusa / nascita
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • maschio
      • femmina
  • pre-svezzamento / involo
    • approvvigionamento
      • maschio
      • femmina
    • proteggere
      • maschio
      • femmina
  • pre-indipendenza
    • approvvigionamento
      • maschio
      • femmina
    • proteggere
      • maschio
      • femmina
  • associazione post-indipendenza con i genitori

Durata della vita / longevità

Le condizioni nei mesi estivi determinano se i giovani sopravviveranno o meno al loro primo inverno e alla loro migrazione. Mentre la durata media della vita delle oche imperatrici è stata registrata in circa 6 anni con un'aspettativa di vita massima di 12 anni, molti scienziati ritengono che questa sia una grossolana sottostima. Ciò è particolarmente vero perché la loro longevità sembra molto inferiore rispetto a specie simili. I tassi di mortalità annuale stimati vanno dal 63 al 94% per gli adulti.(Petersen, et al., 2010; Schmutz, et al., 1994; Zammuto, 1986)

  • Durata della gamma
    Stato: selvaggio
    12 (alto) anni
  • Durata della vita tipica
    Stato: selvaggio
    11 (alto) anni
  • Durata media della vita
    Stato: selvaggio
    6 anni

Comportamento

Grandi gruppi di oche imperatrici iniziano la loro migrazione primaverile annuale dai loro terreni di svernamento nelle Isole Aleutine dell'Alaska o nelle Isole Comandanti della Russia all'inizio di marzo. Queste oche si spostano sulla baia di Bristol e arrivano sul delta dello Yukon-Kuskokwim tra l'inizio e la metà di maggio. Le oche approfittano di questi ricchi pascoli primaverili, preparandosi per la nidificazione all'inizio dell'estate. Tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, le oche arrivano nei loro terreni di riproduzione sulla penisola di Seward, sull'isola di San Lorenzo e in Siberia. La migrazione autunnale inverte la rotta con le oche imperatrici che partono alla fine di agosto e all'inizio di settembre e fanno ritorno alle Isole Aleutine entro la fine di novembre.

La migrazione dipende in larga misura dalla rottura del ghiaccio e dalle condizioni meteorologiche, con gli uccelli che migrano sui terreni di alimentazione primaverile quando il ghiaccio scompare. Le cattive condizioni meteorologiche possono impedire alle oche di viaggiare verso la loro prossima destinazione, mentre un clima particolarmente favorevole può consentire alle oche di approfittare di buone zone di alimentazione per periodi di tempo più lunghi. La distanza percorsa tra i siti di svernamento e di nidificazione varia da 650 a oltre 2500 km.

Mentre si trovano nei loro terreni di svernamento o nidificazione, le oche imperatrici sono relativamente sedentarie. Soprattutto durante la nidificazione, le coppie hanno relativamente poco a che fare con altri individui, ad eccezione del comportamento difensivo se un'altra oca si avvicina troppo. Durante le stagioni di non migrazione, le oche imperatrici camminano o nuotano molto più regolarmente di quanto volano.

Come la maggior parte delle oche, le oche imperatrici sono particolarmente adatte a nuotare e nuotare in ogni periodo dell'anno. Quando vengono avvicinate da un predatore terrestre, è molto probabile che le oche imperatrici corrano verso l'acqua e nuotino in un'area più sicura. I paperi sono stati persino visti immergersi per evitare i predatori aerei.('Chen canagica', 2009; Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Hupp, et al., 2008; Pacific Flyway Council, 2006; Petersen, et al., 2010)

  • Comportamenti chiave
  • terricolo
  • mosche
  • natatorio
  • diurno
  • mobile
  • migratorio
  • territoriale
  • coloniale
  • Dimensione media del territorio
    14 m ^ 2

Gamma domestica

Le oche imperatrici difendono attivamente il loro territorio di riproduzione (in media 14 metri quadrati) prima della deposizione delle uova e fino a quando i genitori e le papere lasciano i terreni di nidificazione.(Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977)


scatola medusa chironex fleckeri

Comunicazione e percezione

Le oche imperatore hanno due tipi di chiamate. Il primo (che suona come 'kla-ha kla-ha') si sente principalmente durante la migrazione quando gli uccelli sono raggruppati in gran numero. Il secondo tipo di chiamata (che suona come 'u-lugh u-lugh') si verifica quando gli uccelli vengono spaventati o minacciati. Queste oche possono anche sibilare quando i predatori o altre oche tentano di avvicinarsi al nido. Questo sibilo è spesso associato a una postura difensiva o alla carica dell'individuo minaccioso. Questa specie di oca è nota per essere molto meno vocale della maggior parte delle altre specie di oche.

Le oche imperatrici si affidano principalmente al loro senso della vista per riconoscere predatori o concorrenti. Si affidano anche alla vista per trovare cibo a terra. Durante la ricerca di molluschi, in particolare sott'acqua o nel fango, utilizzano principalmente il loro senso del tatto. Come tutti gli uccelli, le oche imperatrici percepiscono il loro ambiente attraverso stimoli uditivi, tattili, visivi e chimici.(Petersen, et al., 2010)

  • Canali di comunicazione
  • visivo
  • acustico
  • Canali di percezione
  • visivo
  • tattile
  • acustico
  • chimica

Abitudini alimentari

Le oche imperatrici si nutrono principalmente di vegetazione intertidale e invertebrati marini. La vegetazione include segale da spiaggia,mirtilli rossi,pisello di spiaggiae sandwort. Sono anche noti per mangiare alghe, eelgrass e lattuga di mare. Mentre le oche imperatrici possono mangiare i crostacei, consumano principalmente i bivalvi. Durante i mesi primaverili e autunnali la loro dieta consiste principalmente in cozze blu e vongole macoma . Si nutrono di questi invertebrati immergendo la testa sott'acqua per trovare la loro preda. Un altro metodo di ricerca delle prede chiamato 'pozzanghera' si verifica sulle distese di fango. Un'oca crea piscine nelle pianure battendo i piedi e poi consumando le vongole spezzate. Erbe, carici e bulbi vengono mangiati quando questi uccelli si spostano nell'entroterra durante la stagione della nidificazione.('Chen canagica', 2009; 'Emperor Goose', 2010; Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Laing e Raveling, 1993; Petersen, et al., 2010; Schmutz, 1994)

L'alimentazione è particolarmente importante per le papere, che sono uno dei pochissimi vertebrati che ottengono la loro proteina necessaria per la crescita quasi interamente dalla materia vegetale. Gli studi hanno suggerito che le papere possono tentare di scegliere piante più ricche di proteine ​​e in particolare preferire l'erba di palude (Triglochin palustris) quando è disponibile e sicuro per l'accesso.(Laing e Raveling, 1993; Lake, et al., 2008; Petersen, et al., 2010)

  • Dieta primaria
  • erbivoro
    • folivoro
  • Alimenti per animali
  • molluschi
  • crostacei acquatici
  • Alimenti vegetali
  • le foglie
  • radici e tuberi
  • alghe

Predazione

Mentre alcune oche adulte sono predate da volpi e aquile, i giovani corrono un rischio molto più elevato di predazione. Volpi rosse , volpi artiche , glauchi , jaeger parassiti ,aquile reali, gufi delle nevi ,visone, e gru sandhill sono tutti potenziali predatori sia di papere che di uova. È noto anche che gli esseri umani locali cacciano sia giovani che adulti e raccolgono uova per la sussistenza.

Quando un predatore si avvicina al nido, le femmine covanti sibilano, alzano le ali e assumono una postura minacciosa. I maschi proteggono anche la femmina che cova e nidificano sibilando, assumendo una postura minacciosa o caricando il predatore. Anche gli adulti senza prole fungono da esca e allontanano i predatori dai siti di nidificazione. Quando non hanno uova o giovani molto giovani, le oche imperatrici di solito fuggono nell'acqua quando vengono avvicinate dai predatori.(Eisenhauer e Kirkpatrick, 1977; Petersen, et al., 2010; Schmutz, et al., 2001)

Ruoli dell'ecosistema

Le oche imperatrici sono principalmente erbivore, ma si nutrono anche di molluschi e probabilmente hanno un impatto significativo sulle loro popolazioni. È stato suggerito che il pascolo aumenta effettivamente la crescita della vegetazione nell'habitat, quindi probabilmente avvantaggia molti organismi locali che utilizzano la vegetazione per cibo o copertura. Anche le feci d'oca ricche di azoto possono aiutare nella crescita della vegetazione. Gli adulti, i giovani e le uova di oche imperatrici sono preda dei predatori locali.(Laing e Raveling, 1993)

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Le oche imperatrici venivano cacciate dai cacciatori di sussistenza principalmente in Alaska. Storicamente, le uova venivano raccolte durante la stagione della deposizione, mentre i giovani e gli adulti venivano cacciati in primavera. Le oche imperatrici continuano ad essere raccolte oggi, ma molte recenti stagioni di caccia sono state chiuse a causa del basso numero di abitanti. Le oche imperatrici sono anche vendute come animali domestici in tutto il mondo.('Audubon WatchList', 2010; 'Chen canagica', 2009; 'Emperor Goose', 2010; Petersen, et al., 2010)

  • Impatti positivi
  • commercio di animali domestici
  • cibo

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Non sono noti effetti negativi delle oche imperatrici sugli esseri umani.

Stato di conservazione

Tra il 1964 e il 1986 la popolazione dell'oca imperatrice in Alaska è scesa da circa 139.000 a 42.000 individui. La lista rossa IUCN afferma che le ragioni di questo declino sono poco conosciute. Mentre la popolazione è più che raddoppiata dal 1986 e le popolazioni attuali rimangono stabili o in leggera diminuzione, le oche imperatrici sono ancora a rischio a causa delle pratiche di caccia e dell'inquinamento da idrocarburi costieri. Si prevede inoltre che il cambiamento climatico possa limitare i terreni di riproduzione, portando anche a un calo delle popolazioni. A causa dei cambiamenti climatici, l'habitat delle oche imperatrici potrebbe diminuire fino al 54% entro il 2070.


cane della prateria dai piedi neri

I piani di gestione, come quello suggerito dal Pacific Flyway Council, sottolineano che l'applicazione di repressioni nella caccia illegale e nella raccolta delle uova, nonché la conservazione dell'habitat e l'educazione del pubblico su questi uccelli, sono passaggi essenziali per proteggere le popolazioni di oche imperatrici in Alaska.('Chen canagica', 2009; Cannings e Hammerson, 2009; Pacific Flyway Council, 2006)

Contributori

Emily Brown (autrice), University of Michigan-Ann Arbor, Phil Myers (editor), University of Michigan-Ann Arbor, Rachelle Sterling (editor), Special Projects.

Animali Popolari

Leggi di Hexanchus griseus (Bluntnose Sixgill Shark) sugli agenti animali

Leggi di Gallinula chloropus (gallinella d'acqua comune) su Animal Agents

Leggi di Cycliophora (simbionti di aragosta) su Animal Agents

Leggi di Eumenes fraternus sugli agenti animali

Leggi di Lates niloticus (Victoria persico) sugli agenti animali

Leggi di Callithrix jacchus (uistitì dal ciuffo bianco) sugli agenti animali