Ancylostoma duodenale

Di Nagla Fetouh

Gamma geografica

Gli anchilostomi umani si trovano nelle regioni tropicali e subtropicali tra i 30 ° nord e sud dell'equatore.Ancylostoma duodenalesi trova nella regione del Mediterraneo, nel sud-est asiatico e sparsi nelle Americhe meridionali.(Beigal, et al., 2000; Changhua, et al., 1999; Roberts e Janovy Jr., 2000)

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
  • orientale
  • etiope
  • neotropicale

Habitat

Insieme alla sua gamma di host definitivi,Ancylostoma duodenaleha anche una serie di ospiti paratenici di canidi e felidi , dove può rimanere per intervalli di tempo fino a raggiungere l'ospite definitivo. Nell'ospite paratenico può sopravvivere nei muscoli dove viene poi trasferito all'uomo tramite carne poco cotta, inclusi coniglio, agnello, manzo e maiale. Le uova diAncylostoma duodenalesono ancora all'interno del muscolo e vengono ingeriti con la carne, consentendo agli adulti di svilupparsi all'interno del tratto intestinale.



I giovani della specie risiedono nelle regioni più calde del mondo dove il terreno è preferibilmente humus e sciolto con un ragionevole drenaggio dell'acqua e una buona aerazione. L'ossigeno è necessario per lo sviluppo delle uova, il cui metabolismo è aerobico.



Le uova di anchilostomi traggono il loro nutrimento dalle feci dell'ospite tramite l'assorbimento. Pertanto devono vivere in aree con suoli a pH neutro e in zone ombreggiate, come piantagioni di caffè, banane e zucchero, dove le feci rimarranno intatte abbastanza a lungo da svilupparsi in novellame. Sono estremamente sensibili alla luce solare, che alla fine può uccidere i giovani. I giovani sono anche sensibili alle alte concentrazioni di sale e ai pH acidi dei terreni.

Dopo essere penetrati nella pelle, i giovani si attaccano ai vasi sanguigni e iniziano a nutrirsi fino a raggiungere lo stadio adulto. Le femmine adulte rimangono attaccate ei maschi si staccano per trovare i loro compagni. La reinfezione continua è promossa da ripetute defecazioni da parte di individui infetti negli stessi locali in cui erano stati originariamente infettati. Ciò potrebbe anche portare a epidemie diAncylostoma duodenaleinfezioni nelle regioni aride del mondo.(Chilton e Gasser, 1999; Roberts e Janovy Jr., 2000)



  • Regioni habitat
  • tropicale
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • savana o prateria
  • foresta
  • foresta pluviale
  • macchia foresta
  • Altre caratteristiche dell'habitat
  • urbano
  • suburbano
  • agricolo

Descrizione fisica

Ancylostoma duodenaleè un verme a forma di S a causa della sua flessione all'estremità frontale. Il verme è bianco-rosato. Le dimensioni degli anchilostomi maschi adulti variano da 8 a 11 mm di lunghezza, mentre le femmine adulte hanno dimensioni da 10 a 13 mm. Questa specie è dimorfica, con i maschi che hanno caratteristiche di borsa e spicole aghiformi con piccole punte, che sono fuse distalmente. Le femmine hanno una vulva situata a circa un terzo della lunghezza del corpo dall'estremità posteriore. Sia gli anchilostomi maschili che quelli femminili hanno due potenti denti ventrali nelle forme adulte del parassita, uno lungo ciascun lato della capsula buccale; coppie di denti più piccole si trovano più in profondità nella capsula.

Le uova di anchilostomi hanno un guscio sottile e le larve possiedono anfidi , grande sensilla accoppiato su ciascun lato della bocca, che consente loro di localizzare il loro ospite. Le larve sono a forma di bastoncello e sono lunghe circa 0,004 cm.(Ashton, et al., 1999; Carson-DeWitt, 1999; D.W., 1980; Roberts e Janovy Jr., 2000; Williams, 1969)


cicogna dal becco a scarpa accanto all'essere umano

  • Altre caratteristiche fisiche
  • ectotermico
  • eterotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • femmina più grande
  • i sessi hanno una forma diversa
  • Lunghezza intervallo
    Da 8 a 13 mm
    Da 0,31 a 0,51 pollici

Sviluppo

Il ciclo di vita dell'anchilostoma è composto da sette fasi, che sono le seguenti. Prima ilAncylostoma duodenalele uova vengono passate nelle feci dell'ospite. In secondo luogo, l'embrione passa e si sviluppa all'interno delle feci. Il primo stadio giovanile rabditiforme si schiude quindi una volta che l'uovo è fuori dall'ospite. Successivamente, il filariforme o il giovane infettivo si sviluppa dopo due mute. Questa fase è caratterizzata da un arresto dello sviluppo fino a quando non viene raggiunto un nuovo ospite. Gli esseri umani possono essere infettati attraverso la cavità orale per ingestione di carne poco cotta. I giovani filiformi infettano penetrando direttamente nella pelle dell'ospite, di solito un essere umano. Quinto, i giovani migrano quindi attraverso il sistema circolatorio fino a raggiungere i polmoni. Sesto, una volta raggiunti i polmoni, i giovani lasciano il sistema circolatorio trovandosi negli alveoli e quindi migrando nell'intestino tenue attraverso la trachea. Occorrono circa 5-6 settimane affinché l'anchilostoma raggiunga l'intestino tenue dai polmoni. Infine, i vermi adulti si sviluppano nell'intestino tenue dove si accoppiano e producono uova che vengono espulse nelle feci dell'ospite per ricominciare il processo. Gli adulti si formano circa 6 settimane dopo l'infezione iniziale.



Una possibile radice alternativa dell'infezione può verificarsi se i giovani vengono ingeriti e si sviluppano normalmente senza entrare nei polmoni. Tuttavia, questo è un evento molto raro.(Beigal, et al., 2000; D.W., 1980; Roberts e Janovy Jr., 2000)

Riproduzione

Sia i maschi che le femmine si attaccano alle pareti intestinali durante la loro vita, ma il maschio a un certo punto se ne va per cercare una femmina con cui accoppiarsi. La durata media della vita femminile è di circa un anno, durante il quale può deporre da 10.000 a 30.000 uova al giorno durante la sua vita adulta.

Le femmine possono produrre un fermomone per attirare i maschi. Il maschio bobine intorno una femmina con la sua area curva sopra il poro genitale femminile. Il gubernaculum, fatto di tessuto cuticolare, guida le spicole che si estendono attraverso la cloaca e l'ano. I maschi usano le spicole per trattenere la femmina durante la copulazione. Nematode gli spermatozoi sono simili ad ameboidi e sono privi di flagelli.(Barnes, 1987; Beigal, et al., 2000; D.W., 1980; Roberts e Janovy Jr., 2000)

  • Principali caratteristiche riproduttive
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • oviparo

Non ci sono investimenti dei genitori oltre alla deposizione delle uova.

  • Investimento dei genitori
  • pre-fertilizzazione
    • approvvigionamento

Comportamento

Gli stadi giovanili del parassita si muovono nell'ambiente esterno prima di localizzare l'ospite. I vermi adulti possono spostarsi da un luogo all'altro lungo l'intestino una volta all'interno dell'ospite, aumentando così la perdita di sangue attraverso le ferite che rimangono nei rivestimenti intestinali.

Le larve dello stadio infettivo sono generalmente stazionarie, fino a quando non percepiscono vibrazioni nel suolo come calore o anidride carbonica. Usano segnali ambientali per segnalare il loro ospite e prepararsi per l'ingestione durante il loro terzo stadio larvale. Lo fanno utilizzando neuroni con processi dendritici che assomigliano a ciglia, che sono meccanosensoriali, termosensoriali e chemosensoriali. Gli anchilostomi umani adulti si muovono scorrendo nel flusso sanguigno da un locale all'altro e poi si attaccano alle pareti intestinali dove si nutrono.(Ashton, et al., 1999; Roberts e Janovy Jr., 2000; Williams, 1969)

  • Comportamenti chiave
  • parassita
  • mobile
  • sedentario

Comunicazione e percezione

Le larve dello stadio infettivo sono generalmente stazionarie, fino a quando non percepiscono vibrazioni nel suolo come calore o anidride carbonica. Usano segnali ambientali per segnalare il loro ospite e prepararsi per l'ingestione durante il loro terzo stadio larvale. Lo fanno utilizzando neuroni con processi dendritici che assomigliano a ciglia, che sono meccanosensoriali, termosensoriali e chemosensoriali.(Ashton, et al., 1999; Roberts e Janovy Jr., 2000; Williams, 1969)

  • Canali di comunicazione
  • tattile
  • chimica
  • Altre modalità di comunicazione
  • feromoni
  • Canali di percezione
  • infrarossi / calore
  • tattile
  • chimica

Abitudini alimentari

L'ospite definitivo è dove il parassita raggiunge la maturità sessuale. Gli esseri umani sono gli ospiti definitivi diAncylostoma duodenale. Ricerche recenti mostrano che possono esistere altri host definitivi a causa della capacità di infettare in modo incrociato host diversi. Per esempio,Ancylostoma duodenalepossiede la capacità di infettare in modo incrociato dall'uomo ai cani, mentre il suo parente stretto, Ancylostoma caninum , non può infettare in modo incrociato gli esseri umani.

Le uova di anchilostomi ottengono nutrimento tramite le feci ospiti. Dopo essere penetrati nella pelle, i giovani si attaccano ai vasi sanguigni e iniziano a nutrirsi.

Lo stadio larvale è quello di vita libera dove esiste un'esistenza indipendente nel suolo. Quindi penetrano nella pelle dell'ospite mediante la secrezione di enzimi digestivi che dissolvono la pelle.

I vermi giovani e adulti si nutrono di sangue dalle pareti dell'intestino dell'ospite attaccandosi al rivestimento intestinale attraverso i loro denti affilati della cavità buccale, che usano anche per rompere i piccoli vasi sanguigni in modo che possano succhiare il sangue da loro.Ancylostoma duodenalepossiede sostanze anticoagulanti secrete per prevenire la coagulazione del sangue nel sangue che scorre dalla ferita.(Brinksworth, et al., 2000; Chilton e Gasser, 1999; D.W., 1980; Roberts e Janovy Jr., 2000)

  • Dieta primaria
  • carnivoro
    • mangia fluidi corporei
  • Alimenti per animali
  • sangue
  • fluidi corporei
  • Altri alimenti
  • destra

Predazione

Questi parassiti probabilmente non vengono predati direttamente, ma vengono ingeriti da un ospite all'altro. La mortalità larvale è elevata poiché la maggior parte dei parassiti non raggiunge ospiti appropriati.

Ruoli dell'ecosistema

Ancylostoma duodenaleprincipalmente infetta gli esseri umani ma gli ospiti paratenici includono canidi e felidi , dove può rimanere per intervalli di tempo fino a raggiungere l'ospite definitivo.

  • Impatto sull'ecosistema
  • parassita
Specie usata come ospite

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Gli individui infetti sono suscettibili alla malnutrizione, proteine ​​e ferro drenano dalla dieta. Altri effetti includono una crescita stentata e un'intelligenza inferiore alla media nei bambini in via di sviluppo, una risposta anticorpale ridotta agli agenti infettivi e anemia dovuta a una forte perdita di sangue e carenza di ferro tra gli altri effetti collaterali. In alcuni casi, le infestazioni pesanti possono portare a decessi a causa dell'infezione di altri vermi o della malaria, nonché un'eccessiva perdita di sangue e altri tipi di complicanze. I neonati sono stati recentemente riconosciuti come vulnerabili nel campo della salute pubblica. La malattia da anchilostomi è più diffusa nelle femmine rispetto ai maschi.

I turisti che visitano le aree in cui i servizi igienici locali sono un problema dovrebbero fare attenzione alle infestazioni, specialmente nelle regioni con climi umidi.

Il trattamento è abbastanza semplice con Mebendazole, Albendazole e Levamisole. L'uso di integratori alimentari è importante per compensare la perdita di nutrienti.(Beigal, et al., 2000; Bennett e Guyatt, 2000; Changhua, et al., 1999; Roberts e Janovy Jr., 2000; Sen-Hai, et al., 1995)

  • Impatti negativi
  • ferisce gli esseri umani
    • provoca malattie negli esseri umani

Contributori

Renee Sherman Mulcrone (a cura di).

Nagla Fetouh (autore), Università del Michigan-Ann Arbor, Teresa Friedrich (editore), Università del Michigan-Ann Arbor.

Animali Popolari

Leggi di Vanellus coronatus (pavoncella incoronata) sugli agenti animali

Leggi di Dendroica petechia (yellow warbler) sugli Animal Agents

Leggi Acris crepitans (Northern Cricket Frog) su Animal Agents

Leggi di Mesocricetus auratus (criceto dorato) sugli agenti animali

Leggi di Potamochoerus larvatus (bushpig) su Animal Agents

Leggi di Chamaeleo jacksonii (il camaleonte di Jackson) su Animal Agents