Ammotragus lerviaaoudad

Di Matthew Steinway

Gamma geografica

Pecora barbaresca, chiamati anche auodads, hanno avuto origine nelle colline del Sahara e hanno abitato tutte le principali montagne del Nord Africa. Alla fine del 1800, le pecore barbaresche furono introdotte in Europa, comprese la Germania e l'Italia. Intorno al 1900, le prime pecore Barbary furono trasferite negli Stati Uniti per essere collocate negli zoo. Le scorte in eccedenza dello zoo furono vendute a privati ​​che alla fine ne rilasciarono alcune in libertà nel New Mexico nel 1950 e in Texas nel 1957. Ciò ha permesso a una popolazione selvaggia di svilupparsi negli Stati Uniti sudoccidentali (Gray & Simpson, 1980).

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • introdotto
  • paleartico
    • introdotto
  • etiope
    • nativo

Habitat

Ammotragus lerviaè endemico delle montagne del Nord Africa. È sopravvissuto anche nelle montagne e nei canyon degli Stati Uniti sudoccidentali aridi.Pecora barbarescavivere nelle montagne del deserto dal livello del mare fino al limite delle nevi.



Pecora barbarescasi adattano bene anche a un clima secco. Sono in grado di sopravvivere a lunghi periodi di tempo senza assunzione di acqua dolce utilizzando acqua metabolica (Gray & Simpson, 1980; The Mammals of Texas - Online Edition, 1994; Schaller, 1977).



  • Regioni habitat
  • temperato
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • deserto o duna
  • savana o prateria
  • montagne

Descrizione fisica

Ammotragus lerviaè una pecora relativamente grande. Il principale pelage diPecora barbarescaè marrone; tuttavia, il mento, la gola, il torace e l'interno degli arti anteriori sono coperti da lunghi peli bianchi. Questo pelo bianco è chiamato criniera ventrale e appare come se la pecora avesse la barba. Il dimorfismo sessuale è evidente. I maschi possono arrivare a 145 kg, mentre le femmine sono molto più piccole, le più grandi arrivano a 65 kg. Sia i maschi che le femmine hanno le corna che si curvano verso l'esterno, all'indietro e puntano verso l'interno verso il collo. Le corna delle femmine sono più piccole, ma hanno la stessa forma (Gray & Simpson, 1980; The Mammals of Texas - Online Edition, 1994).('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994; Gray e Simpson, 20 novembre 1980)


cosa mangiano i serpenti del ventre rosso

  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • omeotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • maschio più grande
  • ornamento
  • Massa della gamma
    Da 65 a 145 kg
    Da 143,17 a 319,38 libbre

Riproduzione

Durante l'estro, le femmine leccano i lati del potenziale compagno. Gli animali possono toccare le museruole. Il maschio monta la femmina e raggiunge la copulazione. I maschi difendono gruppi di femmine da altri maschi.('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994; Gray e Simpson, 20 novembre 1980)



  • Sistema di accoppiamento
  • poliginoso

La riproduzione avviene solitamente da settembre a novembre, ma i tempi possono variare. La gestazione dura circa 160 giorni, quindi la maggior parte degli agnelli nasce tra marzo e maggio. Tuttavia, le nascite sono state viste fino a novembre. La maggior parte delle nascite produce un unico figlio, ma i gemelli nascono uno su sei o sette nascite.('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994; Gray e Simpson, 20 novembre 1980)


sei allineate dieta corridore

I tempi della maturità sessuale variano tra i maschi. Lo sperma è stato trovato in un maschio a undici mesi; tuttavia, questa probabilmente non è la norma. Le femmine sono considerate sessualmente mature a 19 mesi; tuttavia, le femmine di appena 8 mesi di età hanno prodotto prole.('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994; Gray e Simpson, 20 novembre 1980)

  • Caratteristiche riproduttive chiave
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • viviparo
  • Intervallo di riproduzione
    L'allevamento avviene una volta all'anno.
  • Stagione degli accoppiamenti
    La riproduzione avviene da settembre a novembre.
  • Numero di intervallo di prole
    1 a 2
  • Numero medio di figli
    1.01
  • Numero medio di figli
    1.2
    Un'età
  • Periodo di gestazione della gamma
    Da 5,17 a 5,5 mesi
  • Periodo medio di gestazione
    5,33 mesi
  • Fascia di età allo svezzamento
    4 (basso) mesi
  • Età media allo svezzamento
    4 mesi
  • Età media alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina)
    19 mesi
  • Età media alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina)
    Sesso: femmina
    335 giorni
    Un'età
  • Investimento dei genitori
  • periodo prolungato di apprendimento giovanile

Durata della vita / longevità

Comportamento

Una gerarchia di dominanza è stata osservata nelle popolazioni di zoo diPecora barbaresca. La gerarchia sociale è 'quella di discendenza lineare attraverso maschi, femmine e giovani'. I maschi sono il sesso dominante, principalmente a causa dell'enorme differenza di dimensioni. Nei gruppi, invece, una donna dominante è sempre la leader. Il predominio tra i giovani è determinato dalla forza del legame di coppia con le loro madri. Quando il legame si spezza, i giovani acquisiscono un senso di dominio tra i loro coetanei.(Gray e Simpson, 20 novembre 1980; Schaller, 1977)



Pecora barbarescahanno una posizione di minaccia molto distinta utilizzata nei conflitti intraspecifici. Dirigono le loro corna verso l'animale con cui sono in conflitto. Il comportamento aggressivo è dimostrato anche da altri due atti. Uno è la carica frontale, quando due maschi si caricano l'un l'altro entrando in contatto con le loro corna. L'altro tipo di comportamento aggressivo è più simile al wrestling. I maschi sbattono la testa o agganciano le corna, quindi si torcono e fanno movimenti di scriccatura. Le femmine sono state viste combattere, ma raramente eseguono la carica frontale. A differenza di molti dei loro parenti,Pecora barbarescanon calciare (Gray & Simpson, 1980; Schaller, 1977).(Gray e Simpson, 20 novembre 1980; Schaller, 1977)

  • Comportamenti chiave
  • terricolo
  • diurno
  • mobile
  • nomade
  • territoriale
  • Sociale
  • gerarchie di dominanza

Comunicazione e percezione

  • Canali di percezione
  • tattile
  • chimica

Abitudini alimentari

Pecora barbarescasono erbivori, si nutrono di una varietà di vegetazione come erba, forbe e arbusti. La variazione stagionale gioca un ruolo nel determinare la loro dieta. In inverno, l'erba costituisce la maggior parte dell'assunzione di cibo, mentre gli arbusti sono il cibo più comune per il resto dell'anno (The Mammals of Texas - Online Edition, 1994).('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994)

  • Dieta primaria
  • erbivoro
    • folivore
  • Alimenti vegetali
  • le foglie

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Negli Stati Uniti,Pecora barbarescasono allevati commercialmente per essere utilizzati per la caccia sportiva. I nomadi del Sahara dipendonoPecora barbarescaper carne, pelle, capelli, tendini e corna (Gray & Simpson, 1980).(Gray e Simpson, 20 novembre 1980)

  • Impatti positivi
  • cibo
  • le parti del corpo sono fonte di materiale prezioso

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Al momento non è noto se il filePecora barbarescadiventerà un parassita come tante altre specie introdotte. È stato suggerito questoPecora barbarescacompeterebbe direttamente con il cervo mulo per il cibo. Potrebbero anche influenzare il tentativo di reintroduzione delle pecore bighorn. Queste due specie potrebbero non sopravvivere nello stesso ambiente a causa della concorrenza diretta per il cibo e altre risorse.Pecora barbarescasono stati trovati a nutrirsi di colture di grano invernale in Texas (Mammals of Texas - Online Edition, 1994).('The Mammals of Texas - Online Edition', 1994)


dove vivono le balenottere comuni

Stato di conservazione

Popolazioni coltivate commercialmente e selvatiche diPecora barbarescavengono cacciati legalmente in New Mexico e Texas (Gray & Simpson, 1980).(Gray e Simpson, 20 novembre 1980)

Altri commenti

Una prole femmina vitale è stata prodotta quando una capra domestica femmina è stata accoppiata con una pecora Barbary maschio. Ciò è stato confermato da un backcross con una pecora Barbary maschio (Gray & Simpson, 1980; The Mammals of Texas - Online Edition, 1994).

Contributori

Matthew Steinway (autore), Università del Michigan-Ann Arbor, Phil Myers (editore), Museo di Zoologia, Università del Michigan-Ann Arbor.

Animali Popolari

Leggi di Balaena mysticetus (testa d'arco) sugli agenti animali

Leggi di Duttaphrynus melanostictus sugli agenti animali

Leggi di Icterus spurius (orchard rigogolo) su Animal Agents

Leggi di Sula (sule) sugli agenti animali

Leggi di Crinoidea sugli agenti animali

Leggi di Funambulus pennantii (scoiattolo di palma settentrionale) su Animal Agents