Ammodorcas clarkeidibatag

Di Jim Bob Derrig

Gamma geografica

Ammodorcas clarkei, il dibatag o gazzella di Clarke, si trova nella regione dell'Ogaden dell'Etiopia orientale e nelle parti adiacenti della Somalia settentrionale e centrale. Questa specie si trova principalmente nelle aride pianure sud-orientali dell'Etiopia e le concentrazioni locali si verificano nell'entroterra costiero della Somalia centrale. (Yalden et al., 1984)

  • Regioni biogeografiche
  • etiope
    • nativo

Habitat

L'habitat preferito dei dibatags è costituito da aree sabbiose con macchie di spine sparse ed erbe fino a pianure aride, basse e coperte di macchia. (Diller e Haltenorth, 1980)




pancia rossa serpente nero florida

  • Regioni habitat
  • tropicale
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • macchia foresta

Descrizione fisica

Lunghezza del corpo diA. clarkeivaria da 152-168 cm, con una lunghezza della coda da 25 a 35 cm. L'altezza della spalla varia da 80-88 cm e il peso varia da 22 a 35 kg. Le parti superiori di queste gazzelle sono un fulvo grigiastro e la groppa e le parti inferiori sono bianche. I segni sul viso sono costituiti da una striscia bianca che va da sopra l'occhio al muso. C'è una linea di castagna sul naso. Il corpo è magro e le gambe e il collo sono piuttosto lunghi e sottili. Il mantello ruvido si fonde bene con l'ambiente circostante rendendo difficile vedere Dibatag in una copertura spessa. Una caratteristica nota è la lunga coda nera pelosa che è lunga 25-35 cm. Le corna ricurve si trovano solo sui maschi e sono lunghe dai 10 ai 25 cm. I Dibatags hanno anche piccoli zoccoli e un teschio a forma di piatto. (Carter e Mochi, 1971)



  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • simmetria bilaterale
  • Massa della gamma
    Da 22 a 35 kg
    Da 48,46 a 77,09 libbre
  • Lunghezza dell'intervallo
    Da 152 a 168 cm
    Da 59,84 a 66,14 pollici

Sviluppo

Non sono disponibili informazioni sullo sviluppo di questa specie.

Riproduzione

Le informazioni sul sistema di accoppiamento non sono disponibili per questa specie. In altre specie di bovidi di dimensioni simili ( per esempio. Antilope cervicapra , e Litocranius walleri ) i maschi stabiliscono e difendono territori, almeno durante la stagione riproduttiva, e sono poliginosi. È probabileA. clarkeimantiene i territori contrassegnandoli con minzione, defecazione e secrezioni delle ghiandole preornitali. (Walther et al., 1983)



Le femmine danno alla luce solo un giovane durante l'anno. Le nascite avvengono in ottobre e novembre. Il periodo di gestazione è di 204 giorni. (Ditrich, 1972). La maturità sessuale viene raggiunta tra i 12 ei 18 mesi.

  • Caratteristiche riproduttive chiave
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • viviparo
  • Stagione degli accoppiamenti
    Le nascite avvengono in ottobre e novembre.
  • Numero di intervallo di prole
    1 (basso)
  • Numero medio di figli
    uno
  • Numero medio di figli
    uno
    Un'età
  • Periodo medio di gestazione
    6,8 mesi
  • Periodo medio di gestazione
    204 giorni
    Un'età
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina)
    Da 12 a 18 mesi
  • Gamma di età alla maturità sessuale o riproduttiva (maschio)
    Da 12 a 18 mesi

Come in tutti i mammiferi, la femmina fornisce nutrimento ai piccoli durante l'allattamento. I giovani sono precoci. Altre informazioni sulla cura dei genitori in questa specie non sono disponibili.

  • Investimento dei genitori
  • altricial
  • cura dei genitori femminili

Durata della vita / longevità

La durata di un dibatag varia da 10 a 12 anni. (Diller e Haltenorth, 1980)



  • Durata della vita tipica
    Stato: selvaggio
    Da 10 a 12 anni

Comportamento

I dibatag sono mammiferi diurni di abitudini solitarie o sociali, che viaggiano da soli o in piccoli gruppi di individui imparentati. I maschi segnano i territori con minzione, defecazione e secrezioni dalle ghiandole preorbitali. Questi territori sono difesi combattendo tra maschi. Lo sparring viene fatto spingendo e spingendo contro le corna e il collo di un avversario, cercando di sbilanciarlo. Durante il risparmio, i maschi infilano il naso tra le zampe anteriori per proteggere i loro fragili colli e le corna. (Walther et al., 1983)

  • Comportamenti chiave
  • mobile
  • solitario
  • territoriale
  • Sociale

Comunicazione e percezione

  • Canali di percezione
  • tattile
  • chimica

Abitudini alimentari

La dieta diA. clarkeiè costituito da foglie e germogli di cespugli e alberi. I lunghi colli dei dibatags consentono loro di raggiungere rami alti. Questi animali possono anche stare sulle zampe posteriori con le zampe anteriori sull'albero per navigare. I dibatag possono persistere con poca o nessuna presenza di acque libere. (Diller e Haltenorth, 1980)


piccola gamma di pipistrelli marroni

  • Dieta primaria
  • erbivoro
    • folivore
  • Alimenti vegetali
  • le foglie

Predazione

Se un dibatag rileva un pericolo, si nasconde dietro la vegetazione, fermandosi e usando il lungo collo per guardare la vegetazione per valutare il pericolo. Questi animali rimangono immobili fino a quando non vengono scoperti. Se inseguiti, i dibatag fuggiranno con la testa arcuata all'indietro e useranno un'andatura ambigua invece del galoppo. I predatori comuni di questi animali includono ghepardi, leoni, iene, cani da caccia africani e umani (Diller e Haltenorth, 1980)


salamandra bifoderata settentrionale

Ruoli dell'ecosistema

A. clarkeisvolge un ruolo importante come specie preda per la megafauna carismatica.

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

I Dibatag sono cacciati dalle popolazioni locali e quindi forniscono cibo e pelli. (Diller e Haltenorth, 1980)

  • Impatti positivi
  • cibo
  • le parti del corpo sono fonte di materiale prezioso

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Questa specie compete con il bestiame per il pascolo. (Nowak, 1983)

Stato di conservazione

I dibatag sono stati dichiarati in pericolo in Somalia dal 1996. Le popolazioni in Somalia stanno diminuendo a causa del bracconaggio, del degrado dell'habitat causato dalla siccità e della competizione con il bestiame per i pascoli. Le popolazioni sembrano essere stabili in Etiopia dove sono legalmente protette dalla caccia. (Nowak, 1983)

Altri commenti

In somalo il loro nome significa 'coda eretta', riferendosi al modo in cui tengono la coda eretta e agitando mentre camminano.

Contributori

Jim Bob Derrig (autore), Università del Wisconsin-Stevens Point, Chris Yahnke (editore), Università del Wisconsin-Stevens Point.

Animali Popolari

Leggi di Cygnus olor (cigno reale) su Animal Agents

Leggi di Sirex noctilio sugli agenti animali

Leggi di Aythya collaris (anatra dal collo ad anello) su Animal Agents

Leggi di Eulemur mongoz (lemure mangusta) su Animal Agents

Leggi di Makaira nigricans (Blue Marlin) su Animal Agents

Leggi di Strix varia (gufo escluso) su Animal Agents