Ambystoma jeffersonianumJefferson Salamander

Di Sarah Kipp

Gamma geografica

La salamandra Jefferson è distribuita in zone dal sud del New England, sud e sud-ovest attraverso Indiana, Kentucky, West Virginia e Virginia (Petranka 1998).

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • nativo

Habitat

La salamandra Jefferson è limitata ai siti che contengono stagni adatti alla riproduzione e mostra una forte affinità per le foreste di montagna. Predilige boschi decidui relativamente indisturbati, soprattutto foreste montane umide e ben drenate (Petranka 1998).



  • Biomi terrestri
  • foresta

Descrizione fisica

La salamandra Jefferson può variare da un dorso marrone scuro, grigio brunastro o grigio ardesia e può avere macchie blu chiaro sparse lungo i lati, la coda e occasionalmente si estendono sul dorso. La macchiettatura è più evidente negli individui più giovani e può scomparire negli anziani. La regione dello sfiato è di colore grigiastro e il ventre è di un colore pallido, a volte argenteo. Le salamandre ambystomide sono generalmente caratterizzate da prominenti solchi costali, teste corte e arrotondate e corpi robusti con arti robusti. La salamandra Jefferson, tuttavia, ha arti e dita relativamente lunghi e snelli in confronto. La coda è compressa lateralmente e si estende quasi quanto il corpo. La lunghezza media degli adulti varia da 10,7 a 21 cm, con le femmine che si trovano nella parte superiore della gamma e sono presenti da 12 a 14 solchi costali. I maschi riproduttori hanno prese d'aria gonfie e appaiono più snelli delle femmine che trasportano uova. La coda è anche più lunga e più compressa lateralmente nei maschi. Al di fuori della stagione riproduttiva, entrambi i sessi sono più scuri e meno marcati. Le larve sono di colore verde giallastro con macchie scure sul dorso. Possiedono una pinna caudale relativamente incolore e mostrano branchie esterne al momento della schiusa. Le larve più vecchie hanno un dorso grigio verdastro screziato e possono essere segnate lungo i lati con piccole macchie giallastre mentre il ventre è pallido e generalmente non marcato (Harding 1997, Petranka 1998).




cos'è un wallaroo

  • Altre caratteristiche fisiche
  • ectotermico
  • simmetria bilaterale

Sviluppo

  • Sviluppo - Ciclo di vita
  • metamorfosi

Riproduzione

La salamandra Jefferson è uno dei primi allevatori stagionali, migrando verso gli stagni di riproduzione a fine inverno o all'inizio della primavera, spesso prima che il terreno e gli stagni siano completamente scongelati. Il primo gruppo di maschi precede tipicamente l'arrivo delle prime femmine. I dati attuali suggeriscono che mentre i maschi si riproducono ogni anno, le femmine possono saltare uno o più anni prima di riprodursi di nuovo. Le salamandre sono uniche tra gli anfibi nella pratica della fecondazione interna. Durante il corteggiamento, il maschio deposita uno spermatoforo, un pacchetto di sperma che la femmina raccoglie con le labbra della sua cloaca. Lo spermatoforo viene quindi conservato nella sua spermateca fino a quando non è pronta a deporre le uova. Sebbene non vi sia un contatto cloacale diretto, la fecondazione è interna. Le femmine possono iniziare a deporre le uova uno o due giorni dopo l'accoppiamento. Le uova hanno un diametro di 2-2,5 mm e sono circondate da una membrana vitellina e tre buste di gelatina. Sono generalmente depositati in piccoli ammassi gelatinosi e sono attaccati a bastoncini o vegetazione sottomarini. Se lo stagno dovesse gelare, le uova vengono quindi protette sotto la superficie dell'acqua. Le masse delle uova variano generalmente in numero da 20 a 30 uova per massa, ma possono avere da 1 a 60 uova per massa. Le femmine produrranno un totale di 100-280 uova in una stagione riproduttiva. La durata dell'incubazione varia. In un ambiente controllato con temperature intorno ai 21 ° C le uova si schiuderanno in circa due settimane, ma in condizioni naturali più tipiche, potrebbero essere necessarie fino a 14 settimane a seconda del tempo in cui le uova sono state deposte. Si osserva che la sopravvivenza embrionale media alla schiusa è positivamente correlata alla dimensione della massa delle uova. Il successo nella schiusa può essere molto alto, tuttavia, il tasso di sopravvivenza delle larve è generalmente molto basso a causa della predazione. Le larve appena schiuse variano in lunghezza da 1,0 a 1,4 cm. In due o tre mesi le larve sopravvissute si trasformarono in salamandre terrestri. Se lo stagno di riproduzione minaccia di prosciugarsi prematuramente, la metamorfosi avverrà prima con le larve più piccole. Gli individui appena metamorfosati vanno da 4,8 a 7,5 cm e sono in grado di riprodursi in due o tre anni. La durata media della vita della salamandra Jefferson è di sei anni o più (Flank 1999, Harding 1997, Petranka 1998).

  • Principali caratteristiche riproduttive
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)

Comportamento

Uno degli aspetti più interessanti del comportamento delle salamandre collettivamente è la loro testardaggine a spostarsi da un'area. Le salamandre generalmente non sono molto attive e durante tutta la loro vita non possono viaggiare più di un miglio. Si stima che circa il cinquanta per cento di tutte le salamandre muoia durante il letargo perché rimarranno in aree troppo fredde per loro piuttosto che spostarsi in un luogo più adatto (Flank, 1999).



Sono stati osservati vari comportamenti difensivi quando questa specie si confronta con un predatore. I suoi predatori includono gufi, serpenti, moffette striate (Mephitis mephitis) e procioni (Procyon lotor). Le risposte comportamentali e difensive a questi predatori includono una varietà di movimenti della coda e posture del corpo, fuga, mordere e la produzione di secrezioni nocive dalle ghiandole cutanee concentrate sulla base superiore della coda. Espandendosi sui movimenti del corpo osservati, è stato notato che questa salamandra solleva la coda e la ondeggia o la frusta. La salamandra può anche piegare la testa sotto la coda formando una bobina o impegnarsi nel capovolgimento del corpo. La salamandra jefferson è anche in grado di perdere volontariamente la coda quando minacciata. Le contrazioni muscolari nella coda staccata la fanno contrarre violentemente nella speranza di deviare il predatore in modo che la salamandra abbia la possibilità di scappare. I poteri rigenerativi superiori delle salamandre consentono a questa difesa di essere efficace con conseguenze minime per la salamandra stessa (Harding 1997, Petranka 1998).

I comportamenti riproduttivi possono essere visti quando gruppi da due a quattro adulti iniziano a riunirsi in uno stagno di riproduzione. Il maschio si avvicina prima a una femmina e la amplifica dorsalmente, posizionando i suoi arti anteriori appena dietro i suoi. Il rapporto tra i sessi è generalmente maggiore di 3 maschi per 1 femmina all'interno di un dato stagno di riproduzione. Quando le femmine fuori numerano i maschi, si osserva che le femmine esibiscono una forma di competizione sessuale in cui le femmine spaiate si scontrano e spingono le coppie non accoppiate. Prima che il corteggiamento continui, la coppia può rimanere amplessa per un lungo periodo di tempo. Dopo la continuazione il maschio inizia a strofinare simultaneamente il muso sulla testa della femmina e ondulare la coda. Il maschio muove anche il suo corpo avanti e indietro strofinando la sua cloaca contro la schiena della femmina e può sferzare vigorosamente. Al culmine di questa attività, il maschio si muove in avanti, smontando la femmina, e inizia a ondulare fortemente la coda e il corpo posteriore. La femmina quindi segue generalmente il maschio spingendo la sua cloaca prima di raccogliere lo spermatoforo depositato dal maschio (Petranka 1998).

  • Comportamenti chiave
  • mobile

Abitudini alimentari

La salamandra Jefferson si nutre generalmente di insetti e altre specie di invertebrati. Le larve si trovano a consumare piccolo zooplancton dopo la schiusa e si spostano verso organismi come nematodi, larve di insetti acquatici, insetti e lumache. Le larve possono diventare cannibali e nutrirsi di piccole larve della loro stessa specie e di altre. Poiché le salamandre adulte trascorrono la maggior parte del tempo, al di fuori della stagione riproduttiva, nascoste nel terreno o sotto la lettiera delle foglie, le loro esatte abitudini alimentari non sono note. Si presume che si nutrano di lombrichi e altri invertebrati presenti nel suolo (Pentranka 1998).




camponotus pennsylvanicus volo nuziale

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Dal punto di vista ecologico, le salamandre sembrano svolgere un ruolo importante nell'organizzazione di molte comunità terrestri e acquatiche. Sono sempre più utilizzati come indicatori della salute ambientale. Le salamandre hanno anche dimostrato di essere strumenti preziosi nell'esame di vari problemi in discipline come evoluzione, ecologia, comportamento animale, fisiologia e genetica. Probabilmente la più importante per la popolazione umana è la ricerca medica sulle salamandre. Ciò include la ricerca per comprendere le basi per la rigenerazione degli arti e dei tessuti nei vertebrati (le salamandre hanno una straordinaria capacità di rigenerazione), lo studio dell'ereditarietà delle malattie genetiche e la ricerca che esplora il possibile valore terapeutico delle secrezioni cutanee tossiche nel trattamento di malattie umane come il cancro (Petranka 1998 ).

Stato di conservazione

La salamandra Jefferson non è attualmente elencata come minacciata o in via di estinzione. Per continuare la sopravvivenza di questa specie relativamente indisturbata, è necessario preservare gli habitat boschivi vicino agli stagni di riproduzione adatti. L'aumento della frammentazione dell'habitat dovuto alle strade, porta alla morte di molte salamandre durante la loro migrazione primaverile. La salamandra Jefferson è anche particolarmente vulnerabile all'acidificazione degli habitat. Quando i livelli di pH si abbassano troppo, diventano letali per le larve e le uova (Harding 1997).


cosa mangiano i ragni d'acqua

Altri commenti

La salamandra Jefferson è coinvolta in un complesso ibrido con altre tre specie di salamandre talpa ( A. laterale, A. texanum e A. tigrinum ) in tutto il Nord America orientale. Di solito gli ibridi danno luogo a femmine triploidi. Si pensa che queste femmine si riproducano ginogeneticamente, usano lo sperma di un maschio simpatrico e diploide per iniziare lo sviluppo delle uova senza incorporare il genoma maschile. Alcune femmine, tuttavia, si riproducono tramite ibridogenesi, dove l'uovo in maturazione elimina un intero genoma. Il tasso di mortalità embrionale delle salamandre nei complessi ibridi è molto più alto di quello delle specie di salamandre diploidi. Gli studi hanno scoperto che la temperatura è di grande importanza nell'ibrido Ambystoma . A temperature ridotte si prevede che le femmine triploidi si riproducano per ginogenesi, mentre a temperature più elevate aumenta l'ibridogenesi. Questa variazione nei modelli di riproduzione ha un rapporto significativo con la composizione genetica delle popolazioni ibride (Bogart 1988).

Contributori

Sarah Kipp (autore), Michigan State University, James Harding (editore), Michigan State University.

Animali Popolari

Leggi di Scolia dubia su Animal Agents

Leggi di Cancer magister (granchio di Dungeness) su Animal Agents

Leggi di Cheloniidae sugli agenti animali

Leggi di Macropus agilis (agile wallaby) su Animal Agents

Leggi di Atherurus africanus (istrice africano dalla coda a spazzola) sugli agenti animali

Leggi di Chiropotes satanas (saki dalla barba bruna) sugli agenti animali