Alectoris chukarchukar (anche: pernice chukar)

Di Lara Peterson

Gamma geografica

Quattordici sottospecie diAlectoris chukarsono attualmente riconosciuti. Si pensa che le popolazioni del Nord America derivino da una sottospecie indiana, AC. chukar , sebbene diverse sottospecie si siano probabilmente mescolate. La distribuzione nativa spazia nelle aree montuose del Medio Oriente e dell'Asia dalla Grecia orientale e della Bulgaria sud-orientale attraverso l'Asia Minore orientale fino alla Manciuria Cina. Il chukar è stato introdotto con successo in Nord America, Hawaii e Nuova Zelanda come specie di selvaggina. In Nord America, popolazioni di successo si sono stabilite in aree montuose, rocciose e aride in tutti gli stati occidentali e l'attuale distribuzione è concentrata attorno all'area del Great Basin, tra cui Nevada, Utah occidentale, Idaho sud-occidentale, California nord-orientale e Oregon sud-orientale. A est, gli uccelli da allevamento vengono rilasciati per la caccia, ma le popolazioni di successo non si sono stabilite (Christensen 1996; Del Hoyo 1994).

  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • introdotto
  • paleartico
    • nativo
  • australiano
    • introdotto
  • isole oceaniche
    • introdotto

Habitat

Alectoris chukarpuò essere trovato in Nord America in tutto l'ovest in luoghi ripidi, montuosi e rocciosi in tipi di habitat misti. L'area del Great Basin di arbusti desertici è rappresentativa del loro habitat preferito; il clima va da arido a semiarido, l'acqua è generalmente disponibile da sorgenti sparse e la temperatura varia. Le terre pubbliche pascolate e disturbate forniscono abbondanti erbe e semi con arbusti sparsi mentre il terreno roccioso fornisce copertura. In Nord America, tali aree sono generalmente inaccessibili e non sono vicine a terreni coltivati, anche se utilizzeranno tali aree quando disponibili. I tentativi infruttuosi di introdurre il chukar in altre aree del Nord America suggeriscono che siano già presenti nei tipi di habitat più adatti (Christensen 1996).



Descrizione fisica

Alectoris chukarè una pernice di medie dimensioni. I maschi (510-800 g) sono leggermente più grandi delle femmine (450-680 g) in lunghezza e massa. Il modello del piumaggio è simile per entrambi i sessi e distintivo tra gli uccelli selvatici del Nord America. I chukar sono di colore grigio-marrone sopra con una pancia buffa. Una linea nera scura sulla fronte, sugli occhi e lungo il collo contrasta la gola bianca della testa e del seno grigi. I fianchi sono castani bianchi e neri barrati in modo prominente e le penne della coda esterne sono castagne. Bill, i margini delle palpebre, delle gambe e dei piedi vanno dal rosa del recinto al rosso intenso o cremisi. Entrambi i sessi possono avere un piccolo sperone tarsale, ma di solito questo è caratteristico dei maschi. I giovani sono più piccoli e sono screziati di marrone e grigio, con solo un leggero blocco marrone sui fianchi. Nel suo habitat naturale la colorazione può variare geograficamente; gli uccelli nelle zone più aride tendono ad essere più grigi e più pallidi (Christensen 1996; Del Hoyo 1994; National Geographic Society 1999).



  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • simmetria bilaterale
  • Massa della gamma
    Da 510 a 680 g
    Da 17,97 a 23,96 once

Riproduzione

I chukar sono monogami. Le coppie si formano a metà marzo dopo che un maschio esegue un'esibizione di corteggiamento che coinvolge un'inclinazione della testa e una mostra dei suoi fianchi sbarrati. Entrambi iniziano a chiamare e partecipano a una 'esposizione di bocconcini' beccando vari oggetti. Durante le stagioni di siccità, quando il cibo scarseggia, l'allevamento può essere limitato a pochi uccelli. I maschi proteggono la femmina dall'accesso di altri maschi (Christensen 1996; Del Hoyo 1994).

  • Sistema di accoppiamento
  • monogamo

I nidi sono semplici graffi, a volte rivestiti di erba o piume, in aree rocciose o cespugliose. Sono difficili da trovare e non sono ben studiati. Le dimensioni della frizione variano in base al sito e alle condizioni ambientali tra le sette e le ventuno. L'incubazione dura circa 24 giorni ed è solitamente un'attività femminile. La schiusa può avvenire da maggio ad agosto, a seconda del successo della prima covata. Le nidiate hanno una media di circa 10,5 pulcini, ma fluttuano. I giovani sono precoci o altamente sviluppati alla schiusa e sono in grado di volare entro poche settimane. Raggiungono la taglia adulta in 12 settimane. Si pensa che i maschi rimangano fino a quando i pulcini non vengono allevati, anche se si dice che alcuni lascino dopo il completamento della frizione e si riuniscano con altri maschi. Resta molto da imparare sulle abitudini riproduttive del chukar.(Christensen, 1996; Del Hoyo, et al., 1994)



  • Caratteristiche riproduttive chiave
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • oviparo
  • Intervallo di riproduzione
    I chukar si riproducono una volta all'anno a seconda delle condizioni ambientali.
  • Stagione degli accoppiamenti
    La riproduzione avviene da aprile a luglio in Nord America.
  • Gamma di uova per stagione
    7-21
  • Uova nella media per stagione
    10.5
  • Tempo medio alla schiusa
    24 giorni

I giovani vengono accuditi dalla madre e forse dal padre fino a quando non raggiungono l'indipendenza. I giovani sono precoci, volano entro poche settimane dalla schiusa e raggiungono la taglia adulta a 12 settimane.(Christensen, 1996; Del Hoyo, et al., 1994)

  • Investimento dei genitori
  • nessun coinvolgimento dei genitori
  • precociale
  • pre-fertilizzazione
    • proteggere
      • femmina
  • pre-schiusa / nascita
    • approvvigionamento
      • femmina
    • proteggere
      • femmina
  • pre-svezzamento / involo
    • proteggere
      • femmina
  • pre-indipendenza
    • approvvigionamento
      • femmina

Comportamento

I chukar sono diurni e foraggiano a terra durante la mattina e il pomeriggio. Non migrano e gli eventuali movimenti stagionali sono altitudinali. Il volo è generalmente limitato a brevi distanze in discesa, di solito quando si scarica. Saltellano quando attraversano terreni accidentati e preferiscono correre al volo. Il gruppo sociale principale è un covey, costituito da un numero variabile di adulti e della loro prole, ei gruppi più grandi si trovano nelle fonti d'acqua. Gruppi più grandi non imparentati si formano in inverno. I chukar si posano a terra sotto arbusti o affioramenti. I maschi difendono attivamente i loro territori di nidificazione (Christensen 1996; Del Hoyo 1994).(Christensen, 1996; Del Hoyo, et al., 1994)

  • Comportamenti chiave
  • terricolo
  • mosche
  • diurno
  • mobile
  • sedentario
  • territoriale
  • Sociale

Comunicazione e percezione

I chukar usano un numero o vocalizzazioni nelle interazioni che sono divise in tre categorie: allarme contatto sociale, agonistico e sessuale. La chiamata più comune è un basso chuck, chuck, chuck utilizzato da entrambi i sessi che cambia gradualmente in a chukar chukar e può essere ascoltato da lunghe distanze, da cui il nome chukar. La comunicazione presumibilmente avviene anche attraverso segnali visivi.(Christensen, 1996; Del Hoyo, et al., 1994)



  • Canali di comunicazione
  • visivo
  • acustico
  • Altre modalità di comunicazione
  • duetti
  • Canali di percezione
  • visivo
  • tattile
  • acustico
  • chimica

Abitudini alimentari

I chukar sono generalmente opportunisti e si nutrono di vegetazione, inclusi semi di erba e forb, erba verde, foglie di forb e alcuni frutti di arbusti, in base alla relativa abbondanza e disponibilità stagionale. Nei pascoli occidentali, gli alimenti primari sono i semi e il fogliame delle erbe introdotte e varie piante nella comunità dell'artemisia. I cereali coltivati ​​vengono utilizzati quando disponibili, ma l'habitat dei chukar in Nord America generalmente non è vicino ai terreni agricoli. Alle Hawaii sono disponibili diversi alimenti, ma i frutti degli arbusti autoctoni e le piante erbacee introdotte sono ancora importanti. I giovani pulcini mangiano principalmente insetti. Gli adulti non mangiano un numero significativo di insetti, ma è noto che prendono locuste quando disponibili. Tutti i tipi di fonti d'acqua sono utilizzati dai chukar e tendono a dettare la distribuzione durante i caldi mesi estivi; si allontaneranno dall'acqua in inverno quando la vegetazione è disponibile (Christensen 1996; Del Hoyo 1994; Cole et al. 1995).(Christensen, 1996; Cole, et al., 1995; Del Hoyo, et al., 1994)

  • Dieta primaria
  • erbivoro
    • granivoro
  • Alimenti per animali
  • insetti
  • Alimenti vegetali
  • le foglie
  • semi, cereali e noci
  • frutta

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Alectoris chukarfu introdotto per la prima volta in Nord America nel 1893 come specie di selvaggina e fornisce entrate alle agenzie statali per la fauna selvatica attraverso la caccia. Il terreno difficile, ripido e spesso remoto che occupano offre una sfida e un brivido ai cacciatori e la carne è considerata molto gustosa. Alle Hawaii si è scoperto che i chukar occupano un'importante nicchia un tempo occupata da uccelli autoctoni ormai estinti; aiutano nella dispersione e nella germinazione dei semi di importanti piante autoctone e quindi possono essere utili nel ripristino degli ecosistemi degradati (Christensen 1996; Cole et al. 1995).


ampia dieta falco alato

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

I chukar aiutano anche nella dispersione e nella germinazione di non nativi invasivi, come l'erba cheat nel Nord America. Inoltre, sono suscettibili a diverse malattie aviarie e potrebbero fungere da vettore di infezioni che possono essere trasmesse dagli ospiti aviari all'uomo, come la clamidia, quando allevate in situazioni di allevamento di selvaggina (Christensen 1996; Erbeck e Nunn 1999).

Stato di conservazione

Alectoris chukarnon sono minacciati a livello globale. Nella maggior parte delle aree, le popolazioni sono stabili o in aumento, sebbene la perdita di habitat e la caccia intensiva possano influenzare alcune popolazioni locali nella loro distribuzione nativa. Potrebbe esserci qualche preoccupazione per le popolazioni selvatiche a causa della possibilità di trasmissione di malattie da polli domestici e tacchini. In Nord America, sono stati gestiti per la caccia sin dalla loro introduzione. Nella maggior parte delle aree, gli stati cercano di aumentare la caccia attraverso limiti di borsa liberali e lunghe stagioni di caccia per superare i bassi raccolti a causa della natura inaccessibile e remota del loro habitat. La gestione dell'habitat include lo sviluppo e il miglioramento delle fonti d'acqua. È stato esplorato il monitoraggio delle popolazioni attraverso diversi metodi di collare e radiotrasmettitori (Christensen 1996; Del Hoyo 1994; Waters et al.1994).

Altri commenti

C'è ancora molta ricerca da fare per determinare le abitudini e le esigenze diAlectoris chukar. Le informazioni sono alquanto limitate in molte aree della loro storia naturale. Inoltre, è possibile effettuare ricerche per determinare l'attuale correlazione dei chukars nordamericani alla sottospecie originale del vecchio mondo (Christensen1996).

Contributori

Lara Peterson (autore), Università del Michigan-Ann Arbor, Terry Root (editore), Università del Michigan-Ann Arbor.

Animali Popolari

Leggi di Sula (sule) sugli agenti animali

Leggi di Storeria dekayi (Brown Snake) sugli agenti animali

Leggi di Emberizidae (zigoli, passeri americani e parenti) su Animal Agents

Leggi di Larus delawarensis (gabbiano dal becco ad anello) su Animal Agents

Leggi di Dactyloscopidae (osservatori di stelle di sabbia) su Animal Agents

Leggi di Quiscalus quiscula (grackle comune) sugli agenti animali