Alcedinidaekingfishers (anche: martin pescatore e parenti)

Di Kari Kirschbaum

Diversità

I martin pescatori appartengono all'ordine Coraciiformes e la famigliaAlcedinidae. Entro Coraciiformes , i martin pescatori sono raggruppati nel sottordineAlcidine, con todies ( ToDido ) e motmots (Motmotidae).Alcedinidaecomprende circa 17 generi e 91 specie, ed è spesso suddiviso in tre sottofamiglie;Alcedininae, che comprende la maggior parte dei martin pescatori 'pescatori',Halcyoninae, che comprende i 'martin pescatori della foresta' che risiedono principalmente in Australasia, eCerylinae, che include tutti i martin pescatori del Nuovo Mondo.

I martin pescatori sono uccelli colorati di piccole e medie dimensioni con collo corto, teste grandi e becchi lunghi e spessi. Vivono principalmente negli habitat boscosi delle regioni tropicali, spesso vicino all'acqua. Nonostante il loro nome, non tutti i martin pescatori sono specialisti della pesca. Mentre alcune specie consumano principalmente pesce, la maggior parte delle specie ha diete non specializzate che includono un'elevata percentuale di insetti. La maggior parte dei martin pescatori sono allevatori monogami e territoriali, sebbene alcune specie si riproducano in modo cooperativo.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Dickinson, 2003; Fry, 2003; Krueper, 2001)


affronta la raganella grigia

Gamma geografica

I martin pescatori si trovano in tutte le regioni del mondo, tranne nelle regioni polari e su alcune isole oceaniche. La maggior parte delle specie di martin pescatore sono tropicali. La maggior parte dei martin pescatori si trova nelle regioni australiane, africane e orientali del mondo, con i numeri più alti nella regione australiana. Solo sei specie, tutte nella sottofamiglia Cerylinae, sono presenti nel Nuovo Mondo.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Fry, 2003; Fry, et al., 1992; Krueper, 2001)



  • Regioni biogeografiche
  • neartico
    • nativo
  • paleartico
    • nativo
  • orientale
    • nativo
  • etiope
  • neotropicale
    • nativo
  • australiano
    • nativo
  • isole oceaniche
    • nativo
  • Altri termini geografici
  • Cosmopolita

Habitat

La maggior parte dei martin pescatori vive in habitat boschivi boscosi o aperti, spesso vicino all'acqua. Circa 44 specie vivono in foreste chiuse (primarie e secondarie), 17 specie nelle savane boscose e 31 specie in habitat acquatici tra cui spiagge, paludi di mangrovie, laghi, fiumi e torrenti. Una specie vive nella macchia del deserto.

I principali requisiti di habitat per il martin pescatore sono la disponibilità di cibo e nidi. Le specie forestali si trovano generalmente nei livelli inferiori della chioma dove si nutrono dal suolo della foresta. I martin pescatori che richiedono un habitat acquatico possono essere trovati più spesso vicino a piccoli corpi idrici come torrenti di montagna, fiumi e laghi. La maggior parte richiede anche posatoi vicino alla riva per cacciare, ma alcune specie sono in grado di cacciare in bilico e possono foraggiare fino a 3 km dalla riva. I martin pescatori scavano nidi in argini di terra (di solito), cavità degli alberi (naturali, scavate da altri animali o scavate dai martin pescatori se il legno è sufficientemente marcio) o nidi di termiti. Molti martin pescatori mostrano una notevole capacità di adattarsi a diversi habitat e possono spostarsi tra habitat di riproduzione e non di riproduzione molto diversi. I martin pescatori vivono ad altitudini dal livello del mare a più di 2800 metri.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Campbell and Lack, 1985; Clancey, 1992; Fry, 2003; Woodall, 2001)

  • Regioni habitat
  • temperato
  • tropicale
  • terrestre
  • Biomi terrestri
  • savana o prateria
  • foresta
  • foresta pluviale
  • macchia foresta
  • montagne
  • Biomi acquatici
  • laghi e stagni
  • fiumi e torrenti
  • costiero
  • Zone umide
  • palude
  • palude
  • libro
  • Altre caratteristiche dell'habitat
  • ripariale

Descrizione fisica

I martin pescatori sono uccelli di taglia medio-piccola (da 10 a 46 cm di lunghezza, da 9 a 490 g) con teste grandi, colli corti, zampe corte e becchi lunghi e spessi. In genere hanno ali arrotondate e una coda corta, sebbene otto specie di martin pescatori del paradiso abbiano stelle filanti a coda lunga. I martin pescatori hanno piedi piccoli, deboli, a 3 o 4 dita che sono sindattili, il che significa che le dita anteriori sono tutte fuse in una certa misura. Il becco e le zampe del martin pescatore adulto sono di colore nero o rosso vivo, arancione o giallo e gli occhi sono generalmente marrone scuro. I martin pescatori sono generalmente colorati e marcati in modo audace, spesso con blu e verde sopra e una miscela di rosso, arancione e bianco sotto. Molte specie hanno anche un colletto chiaro e diverse specie hanno una cresta distintiva.

I becchi del martin pescatore sono tutti lunghi e spessi, ma variano nella forma in base alle abitudini di foraggiamento di ciascuna specie. Le specie di pesca alla mosca hanno becchi appiattiti dorsoventralmente, mentre le specie di pesca hanno becchi appiattiti lateralmente. Specie che si nutrono di terra, compresi il martin pescatore dal becco a pala ( Clytoceyx rex ) di solito hanno fatture più brevi e piuttosto larghe.

I sessi della maggior parte delle specie di martin pescatore sono simili per dimensioni e piumaggio, sebbene alcune specie mostrino differenze distinte. Ad esempio, i maschi di alcuni martin pescatori del paradiso hanno stelle filanti molto più lunghe delle femmine. Il dimorfismo delle dimensioni sessuali invertite (femmine notevolmente più grandi dei maschi) si trova nelle due specie di kookaburra più grandi, i kookaburra ridenti ( Dacelo novaeguineae ) e kookaburra dalle ali blu ( Dacelo leachii ). I giovani in genere sembrano simili agli adulti, con piumaggio un po 'più opaco e spesso con screziature dove gli adulti hanno una colorazione solida.

Come i motmot e i todies, i martin pescatori hanno spesso piumaggio brillante, sono in gran parte insettivori e nidificano in cavità che vengono spesso scavate nelle rive di terra. I martin pescatori si distinguono per il becco lungo, spesso e dritto e per il piumaggio che è più spesso blu che verde.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Campbell and Lack, 1985; Clancey, 1992; Fry, 2003; Fry, et al., 1992; Krueper, 2001; Sibley e Ahlquist, 1990; Woodall, 2001)

  • Altre caratteristiche fisiche
  • Endotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • i sessi allo stesso modo
  • femmina più grande
  • ornamento

Riproduzione

Tutti i martin pescatori sono territoriali. La maggior parte sono anche monogami e molti si accoppiano per tutta la vita. Il corteggiamento prevede inseguimenti aerei, esibizioni individuali e congiunte e alimentazione di corteggiamento. Le coppie riproduttive difendono enfaticamente un territorio usando chiamate e display, che possono includere display di volo a spirale o mostrare piumaggio marcato in modo audace appollaiandosi in alto nel territorio e ruotando lentamente attorno a un asse verticale. I martin pescatori difendono attivamente il loro territorio, inseguendo gli intrusi e, quando necessario, lottando in aria, a volte cadendo a terra o in acqua dove la lotta continua. I vicini particolarmente aggressivi possono persino entrare nelle cavità del nido l'uno dell'altro per perforare le uova. La dimensione del territorio varia tra le specie e con l'abbondanza di cibo e la disponibilità dei siti di nidificazione. Dove i siti di nidificazione sono particolarmente scarsi, alcune specie di martin pescatori si riprodurranno in colonie sciolte e difenderanno solo un'area immediatamente circostante il buco del nido.

Alcune specie di martin pescatori sono allevatori cooperativi. In queste specie, una coppia maschio e femmina ha da uno a più “aiutanti” che aiutano a difendere il territorio e nutrire i pulcini. Gli helper possono essere primari (correlati) o secondari (non correlati). Sono spesso giovani di precedenti covate che possono aiutare nel nido per diversi anni e in alcuni casi possono aumentare notevolmente la sopravvivenza dei nidiacei. È noto che la poligamia si verifica in almeno una specie di martin pescatore; maschio martin pescatore comune ( Alcedo meninting ) in Russia spesso si riproducono con un massimo di tre femmine.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Clancey, 1992; Fry, 2003; Fry, et al., 1992; Krueper, 2001; Woodall, 2001)

  • Sistema di accoppiamento
  • monogamo
  • poliginoso
  • allevatore cooperativo

I dettagli della biologia riproduttiva di molti martin pescatori sono sconosciuti. La maggior parte dei martin pescatori che sono stati studiati iniziano a riprodursi a un anno e possono allevare da una a quattro covate all'anno. La femmina depone da 2 a 10 (solitamente da 3 a 6) uova bianche non contrassegnate che pesano da 2 a 12 g ciascuna. Le uova vengono deposte a circa un giorno di distanza l'una dall'altra e l'incubazione inizia quando viene deposto il primo uovo o dopo che la maggior parte delle uova è stata deposta. I pulcini nudi e ciechi si schiudono in modo sincrono nelle specie in cui l'incubazione non inizia fino a quando la maggior parte o tutte le uova non sono state deposte, e in modo asincrono nelle specie in cui l'incubazione inizia con il primo o il secondo uovo. Siblicide è comune in questi ultimi. I nidiacei sfidano da tre a otto settimane dopo la schiusa e dipendono dai genitori per il cibo supplementare per diversi giorni o settimane dopo l'involo. Nella maggior parte delle specie, gli adulti alla fine costringono i piccoli a lasciare il loro territorio. I tempi di riproduzione variano notevolmente all'interno di questa famiglia. Generalmente, il martin pescatore nelle regioni temperate si riproduce durante la primavera e l'estate. Quelli nelle regioni tropicali possono riprodursi tutto l'anno o stagionalmente durante il periodo di massima disponibilità di prede.

La maggior parte dei martin pescatori normalmente alleva una covata all'anno. Tuttavia, in condizioni favorevoli, alcune specie possono allevare fino a quattro covate all'anno. In alcuni casi, il maschio può persino iniziare a scavare un nuovo tunnel per il nido prima che i piccoli della precedente nidiata abbiano preso l'involo.

I martin pescatori nidificano più spesso negli argini di terra come quelli lungo fiumi o laghi, ma usano anche nidi di termiti e cavità degli alberi. Cavità degli alberi realizzate da altre specie, come picchi , sono prontamente utilizzati. Se questi non sono disponibili, il martin pescatore scaverà una cavità nel legno (se è sufficientemente marcio), o un altro substrato. Il maschio e la femmina scavano insieme la cavità, a turno beccando e raschiando il materiale con i becchi e i piedi. Diverse specie iniziano gli scavi volando in superficie per primi, una strategia a volte fatale. Il tunnel verso una cavità del nido del martin pescatore può essere lungo fino a tre metri. La cavità ha un diametro leggermente più grande del tunnel e non è rivestita con alcun materiale. Le cavità del nido possono richiedere fino a una settimana per scavare e le coppie spesso usano lo stesso buco del nido per molti anni.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Clancey, 1992; Fry, 2003; Fry, et al., 1992; Krueper, 2001; Woodall, 2001)

  • Principali caratteristiche riproduttive
  • iteroparo
  • allevamento stagionale
  • allevamento tutto l'anno
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • sessuale
  • fecondazione
    • interno
  • oviparo

Sia il martin pescatore maschio che quello femmina incubano le uova, che impiegano da 2 a 4 settimane per schiudersi. Durante la fase di nidificazione, che dura da 3 a 8 settimane, entrambi i genitori nutrono il giovane rigurgitante e successivamente interi elementi da preda. Durante l'ultima parte della fase di nidificazione, i genitori possono nutrire ogni pulcino una volta ogni 15 minuti. Quando i nidiacei sono abbastanza grandi da poter volare, i genitori possono trattenere il cibo per alcuni giorni per incoraggiare i piccoli a lasciare il nido. Dopo che i pulcini sono fuggiti, i genitori forniscono cibo supplementare mentre i pulcini imparano a cacciare da soli. Alcuni martin pescatori insegnano anche ai loro piccoli a cacciare. Ad esempio, il martin pescatore con cintura ( Megaceryle alcyon ) lasciano cadere la preda morta nell'acqua affinché i loro piccoli possano praticare le immersioni. Dopo un massimo di tre settimane di alimentazione supplementare, i martin pescatori adulti di solito costringono i loro piccoli a lasciare il loro territorio.

Il martin pescatore adulto non si occupa di servizi igienico-sanitari del nido, come la rimozione delle feci dalla cavità del nido. Poiché la maggior parte dei nidi del martin pescatore ha un solo sbocco, i nidi possono diventare piuttosto puzzolenti e sono spesso infestati da vermi quando le feci dei pulcini e gli avanzi di cibo si accumulano.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Fry, et al., 1992; Krueper, 2001; Woodall, 2001)

  • Investimento dei genitori
  • altriziale
  • cure parentali maschili
  • cura dei genitori femminili

Durata / longevità

Si pensa che i martin pescatori siano relativamente longevi, ma la sopravvivenza e la longevità sconosciute per la maggior parte delle specie. Si ritiene che la sopravvivenza annuale degli adulti oscilli tra il 25 e il 55%. Un martin pescatore comune ( Alcedo atthis ) è tra i martin pescatori più antichi conosciuti a 15 anni e 5 mesi. Un kookaburra che ride prigioniero ( Dacelo novaeguineae ) visse anche oltre 15 anni. Le fonti di mortalità del martin pescatore includono predazione, raccolta e collisione con strutture artificiali come finestre, torri e edifici durante le migrazioni notturne.(Fry, 2003; Krueper, 2001; Woodall, 2001)

Comportamento

La maggior parte dei martin pescatori vive come coppie riproduttive solitarie che difendono un territorio tutto l'anno. Diverse specie difendono il loro territorio nella misura in cui attaccano altre specie, compresi altri uccelli, goannas ( Varanus ), donnole ( Mustela nivalis ), cani e gatti. Alcune specie, come il martin pescatore pied ( Ceyx lecontei ) e ridendo kookaburras ( Dacelo novaeguineae ) sono allevatori cooperativi. In queste specie, i gruppi cooperativi, che comprendono una coppia riproduttiva e uno a più aiutanti, difendono insieme un territorio. Di notte, la maggior parte dei martin pescatori si appollaia da sola su un trespolo all'interno del proprio territorio. Durante l'incubazione, le femmine possono appollaiarsi nella camera di incubazione.

La maggior parte delle specie sono sedentarie, ma circa poche specie sono migratrici o parzialmente migratorie. A differenza di molte specie di uccelli, alcuni martin pescatori migrano durante il giorno. Tutte le specie di martin pescatore tranne una sono diurne. La specie notturna è il martin pescatore becco a uncino ( Melidora macrorrhina ), che si nutrono principalmente di notte. Molte specie sono inattive durante la parte più calda del mezzogiorno.

Molte specie di martin pescatori sono state osservate mentre facevano il bagno immergendosi ripetutamente in acqua. I martin pescatori generalmente si pavoneggiano frequentemente e il formicolio è stato osservato in almeno una specie di kookaburra.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Fry, 2003; Krueper, 2001; Woodall, 2001)

  • Comportamenti chiave
  • mosche
  • diurno
  • notturno
  • mobile
  • migratorio
  • sedentario
  • estivazione
  • solitario
  • territoriale
  • Sociale

Comunicazione e percezione

I martin pescatori hanno una vista molto buona e fanno molto affidamento sulla vista per la caccia. I loro occhi hanno due fovea, che consentono loro di giudicare molto accuratamente la distanza da un oggetto preda girando leggermente la testa. I loro occhi sono anche particolarmente ricchi di oli che migliorano la visione dei colori. Almeno una specie di martin pescatore è in grado di vedere vicino alla luce UV. Quando alcuni martin pescatori si immergono per pescare, i loro occhi sono coperti da una membrana nittitante. Ciò significa che queste specie devono fare affidamento sul loro senso del tatto per sapere quando chiudere il becco per catturare il pesce.


predatori e prede della volpe

I martin pescatori sono specie molto vocali che utilizzavano i richiami per pubblicizzare il loro territorio e per comunicare tra i membri della famiglia. Alcune coppie di martin pescatori chiamano in duetti e gruppi cooperativi di kookaburra chiamano in coro all'alba e al tramonto. Sebbene le vocalizzazioni della maggior parte delle specie non siano ben studiate, quelle specie che sono state studiate spesso hanno diverse vocalizzazioni. Ad esempio, il martin pescatore con cintura ( Megaceryle alcyon ) utilizza almeno sei chiamate in varie combinazioni per trasmettere messaggi. Diverse specie producono anche suoni non vocali, come il tintinnio del becco.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Fry, 2003; Woodall, 2001)

  • Canali di comunicazione
  • visivo
  • acustico
  • Altre modalità di comunicazione
  • duetti
  • ritornelli
  • Canali di percezione
  • visivo
  • ultravioletto
  • tattile
  • acustico
  • chimica

Abitudini alimentari

Nonostante il nome di questo gruppo, non tutti i martin pescatori sono specialisti del pesce. Molti martin pescatori sono carnivori non specializzati che sono spesso in gran parte insettivori e possono catturare prede da terra, aria, acqua o fogliame. I martin pescatori sono altamente adattabili e generalmente prenderanno qualsiasi preda disponibile. La loro dieta può includere una varietà di insetti (frequentemente cavallette ), rettili ( scinchi ,serpenti), anfibi , molluschi , artropodi non insetti ( millepiedi , millepiedi,scorpioni, ragni , granchi), topi e persino piccoli uccelli. Quelle specie che sono specialiste di pesce di solito includono anche alcuni insetti nella loro dieta. Una specie di martin pescatore è stata vista mangiare carogne e alcune specie mangiano occasionalmente bacche o frutti di palme da olio. I martin pescatori possono catturare prede di grandi dimensioni rispetto alle loro dimensioni corporee. Per esempio, ridendo kookaburras può sopportare serpenti lunghi fino a 1 metro, anche se la coda può sporgere dal becco per un po 'mentre l'estremità della testa viene digerita.


durata della vita di un dingo

Il martin pescatore “pescatore” da cui prende il nome questo gruppo, può immergersi fino a due metri sotto la superficie dell'acqua per pescare. Alcuni hanno una membrana nittitante che copre e protegge i loro occhi quando entrano in acqua, il che significa che devono anticipare i movimenti della loro preda prima che entrino in acqua e fare affidamento sul loro senso del tatto per determinare quando chiudere il becco. Altri specialisti dell'alimentazione tra i martin pescatori includono il martin pescatore dal becco a pala ( Clytoceyx rex ) che con il becco solcano terra e lettiera alla ricerca di lombrichi, larve, lumache, millepiedi elucertole. Martin pescatore rubicondo ( Halcyon coromanda ) nelle Filippine rimuovono le lumache di terra dai loro gusci sbattendole contro le pietre sul suolo della foresta. Alcune specie seguono altri animali (inclusi lontre , ornitorinco , cormorani , garzette, bovini o formiche dell'esercito ) per catturare le prede che disturbano. Alcune specie assistono anche agli incendi erbosi per catturare le prede che vengono disperse dalle fiamme. Il kleptoparassitismo è stato segnalato in diverse specie; le vittime comprese merli , tordi canori , toporagni d'acqua , falchi e serpenti degli alberi.

La maggior parte delle specie di martin pescatore caccia da un trespolo, esaminando silenziosamente la preda e scendendo in picchiata per sorprenderla. Alcune specie cercano la preda mentre volano e poche altre si nutrono a terra. La maggior parte delle specie cattura la preda sorprendendola e raramente la insegue per un certo periodo di tempo. Una volta che un martin pescatore cattura un oggetto da preda, lo trasporta su un trespolo (spesso lo stesso da cui stava cacciando) e usa il becco per battere l'oggetto da preda contro il pesce persico finché non è abbastanza morbido da inghiottirlo intero. Questa preparazione rimuove le zampe e le ali degli insetti e rompe le ossa, le spine protettive e i gusci di pesci, crostacei e altre prede.('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003; Fry, 2003; Fry, et al., 1992; Woodall, 2001)

  • Dieta primaria
  • carnivoro
    • mangia vertebrati terrestri
    • piscivoro
    • insettivoro
    • mangia artropodi non insetti
    • molluscivori

Predazione

Ci sono relativamente pochi record di predazione del martin pescatore adulto. I martin pescatori volano velocemente e probabilmente sono in grado di sfuggire alla maggior parte dei predatori. I predatori più noti del martin pescatore adulto sono i rapaci. I predatori del nido includono volpi, visoni, dingo,puzzole, procioni , scimpanzé,serpenti, monitorare le lucertole , formiche conducente e manguste .

Quando minacciato, il martin pescatore sembra impiegare una delle due strategie; o cercano di eludere il predatore schivando dietro gli alberi o tuffandosi in acqua, oppure attaccano direttamente il predatore, assalendolo finché non lascia l'area. Alcune specie hanno strategie alternative; I kookaburra dal becco giallo sollevano le penne della testa quando minacciati, rivelando due macchie nere che assomigliano a grandi occhi. Quando sono allarmati, i giovani kookaburra dal dorso rosso assumono una postura con gli occhi chiusi e il becco puntato verso l'alto che li fa sembrare il ramo di un albero dall'alto. I martin pescatori difendono in modo aggressivo l'area del nido dai predatori del nido, spesso attaccando gli intrusi, compresi gli umani.(Woodall, 2001)

  • Adattamenti anti-predatori
  • imitare

Ruoli dell'ecosistema

Come predatori di varie specie, il martin pescatore colpisce le popolazioni delle loro prede. La maggior parte delle specie di martin pescatori non sono parassitate dai parassiti della covata, ma alcune in Africa sono ospiti di maggiore ( Indicatore indicatore ) e guide del miele minori ( Indicatore minore ).(Woodall, 2001)

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

I martin pescatori vengono raccolti per la vendita ai turisti, o per il loro piumaggio luminoso, che viene utilizzato nei costumi tradizionali di alcune società.(Woodall, 2001)

  • Impatti positivi
  • le parti del corpo sono fonte di materiale prezioso

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

I martin pescatori a volte prendono pesce di proprietà privata da allevamenti ittici o laghetti da giardino.(Woodall, 2001)

Stato di conservazione

La più grande minaccia che deve affrontare la maggior parte delle popolazioni di martin pescatori è la distruzione o l'alterazione del loro habitat a causa del disboscamento, dell'inquinamento dei corpi idrici e dello sviluppo. Un numero significativo di martin pescatori viene ucciso anche da sparatorie, collisioni con auto ed edifici e avvelenamenti accidentali da pesticidi e veleni destinati ad altre specie. Mentre sembra che molte specie di martin pescatori siano relativamente adattabili ai cambiamenti nell'habitat, la biologia della maggior parte delle specie non è ben nota, rendendo difficile la pianificazione della conservazione o la previsione degli impatti sull'habitat.

La IUCN elenca 1 specie di martin pescatore come 'In pericolo', 11 come 'Vulnerabile', 12 come 'Quasi minacciato' e 3 come 'Dati carenti'. Nessuna specie di martin pescatore è elencata nelle appendici CITES. Negli Stati Uniti, l'US Fish and Wildlife Service elenca una specie, il martin pescatore della Micronesia di Guam (Halcyon cinnamomina cinnamomina) in quanto in pericolo. Quattro specie sono protette dalla legge sul trattato sugli uccelli migratori.('UNEP-WCMC Species Database: CITES-Listed Species', 2003; IUCN, 2003; Threatened and Endangered Species System, 2003; U.S. Fish and Wildlife Service, data sconosciuta; United States Department of Agriculture, 2002; Woodall, 2001)

  • Lista Rossa IUCN [Link]
    non valutato

Altri commenti

Fossili di martin pescatori risalenti a 40 milioni di anni fa sono stati trovati nel Wyoming (USA).('Kingfishers (Alcedinidae)', 2003)

Contributori

Alaine Camfield (a cura di), Animal Agents.

Kari Kirschbaum (autore), Animal Agents.

Animali Popolari

Leggi di Dugongidae (dugongo e mucca di mare) su Animal Agents

Leggi di Salvelinus malma sugli agenti animali

Leggi di Molothrus ater (cowbird dalla testa marrone) su Animal Agents

Leggi di Carassius auratus sugli agenti animali

Leggi di Myospalacinae (zokors) sugli agenti animali