Acanthuridae Pesci chirurgo, codini, pesci unicorno

Di R. Jamil Jonna

Diversità

La maggior parte delle fonti concorda sull'esistenza di 72 specie all'interno della famiglia degli Acanthuridae, ma il numero di generi varia da 6 a 9, a seconda della fonte. Gli acanturidi, comunemente noti come pesci chirurgo, sono caratterizzati dall'esistenza del ' bisturi , 'Una colonna vertebrale distintiva o un gruppo di spine su entrambi i lati della base della coda, da cui il nome comune di pesce chirurgo. I segni di colore spesso sottolineano il bisturi e sono importanti per la comunicazione interspecie, come discusso nella Comunicazione sotto.(Allen e Robertson, 1994; Helfman, et al., 1997; Nelson, 1994; Thresher, 1984; Wheeler, 1975)

Gamma geografica

Gli acanturidi sono esclusivamente marine-dimora e possono essere trovati in tutti i mari tropicali e subtropicali ma sono assenti dal Mediterraneo.(Johnson e Gill, 1998; Nelson, 1994)



  • Regioni biogeografiche
  • orientale
    • nativo
  • etiope
    • nativo
  • neotropicale
    • nativo
  • australiano
    • nativo
  • Oceano Indiano
    • nativo
  • oceano Atlantico
    • nativo
  • l'oceano Pacifico
    • nativo

Habitat

Gli acanturidi abitano le barriere coralline al largo da adulti, ma le larve vengono trasportate dalle correnti costiere dove affondano rapidamente sul fondo e iniziano la trasformazione nella forma giovanile. Le specie che abitano sul fondo si trovano spesso lungo le coste rocciose poco profonde o le barriere coralline esposte nelle aree di ondate mentre gli alimentatori di plancton si trovano generalmente ben al di sopra del fondo su aree sabbiose.(Allen e Robertson, 1994; Johnson e Gill, 1998; Wheeler, 1975)



  • Regioni habitat
  • acqua salata o marina
  • Biomi acquatici
  • pelagico
  • barriera corallina
  • Altre caratteristiche dell'habitat
  • intertidale o litorale

Descrizione fisica

Gli acanturidi hanno dimensioni comprese tra 20 e 200 cm e hanno corpi profondi e compressi con piccole bocche adatte a rosicchiare e raschiare piccoli organismi dalle rocce e dai coralli. Si distinguono per una scala modificata sul peduncolo caudale, che forma una lama di coltello spesso ricoperta da una melma tossica. In alcuni generi, questa lama esiste come piastre fisse sporgenti lateralmente ( Prionurus e Naso ) o spine che si proiettano in avanti mentre il pesce flette il suo corpo. La pinna pelvica ha una colonna vertebrale e tre ( Naso eParacanthus) o cinque raggi molli. La pinna dorsale ha solitamente da quattro a nove spine e la pinna anale ha comunemente da 19 a 36 raggi molli e due o tre spine.(Helfman, et al., 1997; Johnson e Gill, 1998; Nelson, 1994)

C'è variazione nel grado e nel tipo di dimorfismo sessuale esibito da acanturidi, sebbene il dimorfismo permanente sia relativamente raro. Esistono o dimensioni (maschio o femmina possono essere più grandi a seconda della specie) o differenze morfologiche tra i sessi. Solo membri del genere Naso mostrano differenze morfologiche mentre sono state segnalate differenze di taglia per varie specie. Inoltre, i maschi tendono a scurirsi durante il periodo di deposizione delle uova (vedere Riproduzione e comunicazione di seguito). (Clicca qui per vedere un file diagramma di pesce ).(Thresher, 1984)



  • Altre caratteristiche fisiche
  • ectotermico
  • simmetria bilaterale
  • Dimorfismo sessuale
  • femmina più grande
  • maschio più grande

Sviluppo

Lo stadio larvale degli acanturidi, chiamato acronurus, differisce notevolmente sia dallo stadio adulto che da quello giovanile. L'acronurus è trasparente e sono assenti le squame lungo le creste del corpo. L'acronurus è planctonico e rimane pelagico (in acque profonde) per un lungo periodo prima di stabilirsi sul fondo vicino alla riva dove si sviluppa rapidamente nella forma giovanile. A seconda della specie la maturità sessuale viene raggiunta dopo uno o due anni e la lunghezza a maturità varia da 10 cm, Acanthurus triostegus , a 15-19,5 cm (a seconda del sesso e della specie) per alcune specie dell'Atlantico occidentale, come Acanthurus coeruleus e Acanthurus bahianus .(Johnson e Gill, 1998; Nelson, 1994; Thresher, 1984; Wheeler, 1975)

  • Sviluppo - Ciclo di vita
  • metamorfosi

Riproduzione

Gli acanturidi si riproducono formando singole coppie o gruppi di coppie, ma in alcune specie sono state osservate sia riproduzioni in coppia che in gruppo. La deposizione delle uova in coppia può verificarsi in tre diverse situazioni: tra membri di una coppia stabile o harem che definiscono un territorio comune, tra singoli maschi con aree di deposizione delle uova temporanee sul bordo del reef e femmine di passaggio, e tra membri di un gruppo di foraggiamento, anche sul bordo del reef . Tuttavia, la deposizione delle uova di gruppo è più comune negli acanturidi. Gli acanturidi mostrano cambiamenti di colore durante la deposizione delle uova, ma anche attraverso altre forme di eccitazione, come la competizione intraspecifica (vedi Comunicazione sotto).(Thresher, 1984)

  • Sistema di accoppiamento
  • polygynandrous (promiscuo)

Gli acanturidi si aggregano in gran numero prima della deposizione delle uova. La deposizione delle uova può avvenire durante tutto l'anno in alcune specie, ma picchi a fine inverno e all'inizio della primavera. L'esistenza di sistemi sociali basati sull'harem e differenze di dimensioni consistenti tra i sessi suggerisce che l'ermafrodismo sequenziale è esibito da alcuni acanturidi.(Thresher, 1984)



  • Caratteristiche riproduttive chiave
  • iteroparo
  • allevamento tutto l'anno
  • gonochoric / gonochoristic / dioica (sessi separati)
  • ermafrodita sequenziale
  • sessuale
  • fecondazione
    • esterno
  • oviparo

Non ci sono prove di cure parentali nella famiglia Acanthuridae.(Thresher, 1984; Thresher, 1984)

  • Investimento dei genitori
  • nessun coinvolgimento dei genitori

Durata della vita / longevità

La maggior parte degli acanturidi è longeva con molte specie che superano i 30 anni. Gli acanturidi dell'Atlantico tropicale, in particolare dei Caraibi, sono di breve durata mentre quelli che vivono nel Pacifico occidentale raggiungono età massime maggiori. Non c'è relazione tra età e taglia nelle specie di acanturidi.

Comportamento

Un comportamento chiave negli acanturidi è la competizione intraspecifica tra maschi quando difendono harem o territorio. I maschi si circondano l'un l'altro con cautela bisturi puntato verso il maschio avversario durante il combattimento. Come discusso in precedenza, gli acanturidi sono organizzati in un'ampia varietà di sistemi sociali in tempi diversi. Possono essere trovati in coppie monogame, piccole unità di foraggiamento, harem o enormi gruppi di deposizione delle uova o alimentazione. Durante l'alimentazione, orde di acanturidi scendono sulla barriera corallina in modo da contrastare i tentativi degli abitanti del fondale di difendere il loro territorio.(Allen e Robertson, 1994; Thresher, 1984)

  • Comportamenti chiave
  • natatorio
  • diurno
  • mobile
  • Sociale
  • coloniale
  • gerarchie di dominanza

Comunicazione e percezione

Una forma importante di comunicazione negli acanturidi sono i cambiamenti di colore che si verificano quando i maschi vengono eccitati attraverso la competizione intraspecifica o la deposizione delle uova. Il bisturi è anche enfatizzato con colori vivaci ed è angolato al maschio avversario durante il combattimento. Questa enfasi di bisturi facilita il suo ruolo durante la competizione. Inoltre, gli individui cambiano colore quando si eccitano, sia in combattimento che durante la deposizione delle uova.(Thresher, 1984)


nome scientifico della tartaruga dipinta

  • Canali di comunicazione
  • visivo
  • tattile
  • Canali di percezione
  • visivo
  • tattile
  • chimica

Abitudini alimentari

Gli acanturidi hanno piccole bocche e denti lobati simili a incisivi usati per sondare la barriera corallina alla ricerca di piccoli animali (zooplancton) e piante. Gli acanturidi sono pesci diurni, che cercano riparo durante la notte e la maggior parte sono erbivori tranne un genere, Naso (pesce unicorno), che è planctivoro. Alcune specie erbivore possono avere stomaci simili a ventrigli dalle pareti pesanti poiché raccolgono grandi quantità di corallo e sabbia quando si nutrono di brevi escrescenze algali sul fondo del mare. Altri hanno stomaci a pareti sottili e pascolano principalmente su alghe, fronde o filamenti collegati a substrati rocciosi e raccolgono pochissimo materiale calcareo durante l'alimentazione.(Böhlke e Chaplin, 1994; Helfman, et al., 1997; Johnson e Gill, 1998)

  • Dieta primaria
  • carnivoro
    • mangia artropodi non insetti
  • erbivoro
  • onnivoro
  • planctivore

Predazione

PER bisturi -come la spina dorsale su ciascun lato del peduncolo caudale (proprio davanti alla coda) funge da principale meccanismo di difesa degli acanturidi. Le spine fanno un movimento tagliente con potenti raffiche di coda e possono infliggere gravi ferite alla vittima. Gli acanturidi si nutrono solo durante le ore diurne e cercano le fessure della barriera corallina per proteggersi durante la notte. Per la maggior parte dei pesci di barriera le pressioni di predazione sono più elevate durante le fasi di vita planctonica (Hixon 1991 da Moyle e Cech 2000).(Böhlke e Chaplin, 1994; Johnson e Gill, 1998; Moyle e Cech, 2000)

Ruoli dell'ecosistema

I membri della famiglia Acanthuridae ricoprono i ruoli di grazer e planctivore. Gli erbivori sono piuttosto importanti per la barriera corallina poiché impediscono alle spesse stuoie di alghe filamentose e frondose di soffocare i coralli. Mantengono il tappeto spesso solo da 1 a 2 mm e possono spogliare la vegetazione da un anello largo 10 m attorno alla barriera corallina (Hixon 1991; Lewis 1986 da Moyle e Cech 2000). Un genere all'interno degli Acanthuridae, Naso ( pesce unicorno ), è classificato come planctivore diurno (si nutre due volte durante il giorno di organismi galleggianti nella colonna d'acqua). Unicornfishes usa principalmente la barriera corallina come riparo, ma 'aleggia sopra di essa in banchi luminosi e mutevoli, nutrendosi di plancton'. Questi pesci depositano le feci nelle piccole fessure in cui si nascondono, il che è importante per promuovere la crescita e la diversità dei coralli.(Moyle e Cech, 2000)

Importanza economica per gli esseri umani: positiva

Molte specie all'interno di questa famiglia sono piccole e mostrano una colorazione elaborata. Di conseguenza, sono pesci d'acquario popolari. Alcuni acanturidi sono anche importanti alimenti per pesci, ma sono stati segnalati alcuni casi di ciguatera o avvelenamento da pesce.(Böhlke e Chaplin, 1994; Froese, et al., 2003)

  • Impatti positivi
  • commercio di animali domestici
  • cibo

Importanza economica per gli esseri umani: negativa

Non sono state trovate informazioni specifiche riguardanti eventuali impatti negativi per l'uomo.

Stato di conservazione

Attualmente, non è nota alcuna minaccia di conservazione per alcun membro di questa famiglia.(The World Conservation Union, 2002)

  • Lista Rossa IUCN [Link]
    non valutato

Altri commenti

Una ricca storia fossile dell'epoca eocenica suggerisce che questo gruppo fosse più diversificato in passato (Blot e Tyler 1990 da Nelson 1994 pag. 422).(Nelson, 1994)

Contributori

R. Jamil Jonna (autore), Animal Agents.

Animali Popolari

Leggi di Sialia mexicana (uccello azzurro occidentale) su Animal Agents

Leggi di Hippocampus erectus (Horsefish) su Animal Agents

Leggi di Cebus olivaceus (cappuccino piangente) sugli agenti animali

Leggi di Amphiumidae (Amphiumas, Congo Eels) sugli agenti animali

Leggi di Megalops atlanticus (Silverfish) sugli agenti animali

Leggi di Molossidae (pipistrelli dalla coda libera) su Animal Agents